Cronaca

Giunta Conti, Confesercenti: "Dialogare non basta, i problemi vanno risolti"

Prosegue il battibecco tra associazioni di categoria sull'operato della Giunta e dell'assessore Pesciatini: "Siamo stanchi di passerelle e iniziative spot, servono azioni concrete"

Luigi Micheletti insieme ai vertici dell'associazione di categoria (Foto d'archivio)

Continua il battibecco tra le due associazioni di categoria, Confesercenti e Confcommercio, sull'operato della Giunta Conti e dell'assessore Pesciatini. Dopo le critiche mosse da Confesercenti e la difesa di Confcommercio è di nuovo Luigi Micheletti, presidente area pisana di Confesercenti Toscana Nord, ad intervenire sul tema.

"Scopriamo - afferma Micheletti - che l’assessore Pesciatini ha un nuovo difensore di ufficio nella sua ex associazione che ha preso immediatamente carta e penna per schierarsi a sostegno del suo operato e di quello della giunta. Peccato però che Confcommercio non sia entrata nel merito su nessuna delle questioni sulle quali noi abbiamo messo l’accento proprio per chiedere un cambio di passo al Comune nell’interesse esclusivo degli imprenditori. Nessuno discute la disponibilità al dialogo dell’amministrazione comunale. Di questo diamo atto soprattutto al sindaco Conti. Ma dialogare non basta, i problemi vanno risolti. E noi i problemi li abbiamo evidenziati in mancanza di risposte adeguate che gli imprenditori si attendevano".

Micheletti entra quindi nel merito. "Abbiamo apprezzato pubblicamente - sottolinea il presidente - gli interventi dell’assessore Latrofa ad esempio in Borgo Largo così come quelli per gli arredi alla stazione. Così come l’impegno dell’assessore Bonanno, sempre alla stazione, con un progetto di riqualificazione e sicurezza che è iniziato togliendo il mercatino di scarsa qualità sotto i loggiati di viale Gramsci. Sicurezza i cui meriti, adesso, vanno al Comune mentre le lamentele sono rivolte al Prefetto. Ma le questioni per noi irrisolte sono altre".

"Ci chiediamo ad esempio - continua Michelletti - se il presidente Fiva, Franco Palermo, è soddisfatto di come si sta affrontando il tema delle bancarelle di piazza dei Miracoli o se è contento di non aver fatto mai una riunione sul nuovo piano del commercio su aree pubbliche. Chiedo poi al presidente Fontani se gli imprenditori del litorale, vittime quotidiane di furti, possono gioire solo per l’asfaltatura di una strada o la sistemazione di una aiuola".

Micheletti poi affronta la questione ztl sui lungarni. "Forse è sfuggito a qualcuno - afferma ancora Micheletti - è in vigore con le stesse modalità introdotte dalla giunta Filippeschi che qualcuno criticava. Giunta contro la quale quel qualcuno organizzò un funerale del commercio. Evidentemente quest’anno il provvedimento piace. Ne prendiamo atto. Francamente siamo stanchi di passerelle e iniziative spot. Chiediamo solo che al dialogo seguano azioni concrete. Un altro esempio? Sul nuovo regolamento per le riaperture delle attività nel centro storico è regolare non avere più avuto risposte alle nostre osservazioni? Noi pensiamo di no e per questo siamo diversi dagli altri”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giunta Conti, Confesercenti: "Dialogare non basta, i problemi vanno risolti"

PisaToday è in caricamento