rotate-mobile
Cronaca Ospedaletto

Gli studenti di Scienze per la Pace visitano l'ospedale da campo del gcu

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Giovedì 2 dicembre gli studenti del modulo di “Logistica Umanitaria” del corso di laurea magistrale in “Scienze per la Pace: trasformazione dei conflitti e cooperazione allo sviluppo” dell’Università di Pisa, hanno trascorso un pomeriggio presso il Comitato della Croce Rossa Italiana di Pisa per visitare l’ospedale da campo (Emergency Medical Team di 2 livello - EMT2) del Gruppo Chirurgia d’Urgenza (GCU). Dopo il benvenuto da parte della Presidente, Augusta Nepi, agli studenti sono state illustrate nel dettaglio le attività svolte dal GCU ed il funzionamento del Emergency Medical Team di 2 livello, con particolare attenzione alle soluzioni logistiche adottate, argomento di studio dei ragazzi. Durante la visita i volontari del GCU, Francesco Colaone e Alberto Pugi, che hanno personalmente partecipato alle missioni umanitarie, hanno illustrato nel dettaglio tutte le fasi delle diverse missioni: l’arrivo, il montaggio, la gestione e la smobilitazione. Il Gruppo Chirurgia d’Urgenza per interventi di Protezione Civile, è una Associazione di Volontariato ONLUS sorta nel 1985 i cui soci sono tutti medici, infermieri, tecnici e amministrativi, prevalentemente dipendenti dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana e delle aziende della Regione Toscana. Lo scopo è quello di garantire una efficace ed immediata disponibilità di mezzi e di personale, al fine di offrire un adeguato soccorso sanitario, in caso di catastrofi, calamità naturali o atti terroristici escluso aree interessate da eventi bellici. Tra le ultime missioni si ricordano il maremoto del Sud Est Asiatico (2005), ed i terremoti in Cina (2008), Haiti (2010) e Nepal (2015). Il percorso formativo del corso di laurea in Scienze per la pace è caratterizzato da una forte interdisciplinarietà e da una marcata apertura internazionale che, tra l’altro, consente il conseguimento di un titolo doppio con l’Università di Paris-Dauphine. La didattica valorizza il rapporto organico fra aspetti teorici e pratici, favorendo una partecipazione attiva degli studenti. Il corso di laurea magistrale “Scienze per la Pace: trasformazione dei conflitti e cooperazione allo sviluppo” si articola in quattro diversi curriculum: Peace building; Cooperazione umanitaria; Cooperazione e protezione civile; Regolazione pacifica dei conflitti e terrorismo. Gli studenti sono stati accompagnati dal docente del modulo, Carlo Bargagna. Era presente anche il Delegato Operazioni Emergenza e Soccorsi del Comitato Regionale CRI Toscana, Andrea Marchi. Doveroso un ringraziamento al Comitato CRI di Pisa ed al suo Presidente, Antonio Cerrai, per aver consentito lo svolgimento delle attività.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti di Scienze per la Pace visitano l'ospedale da campo del gcu

PisaToday è in caricamento