Ikea, da Rifondazione: "I percorsi troppo veloci sono pieni di difetti"

Il segretario provinciale del Partito di rifondazione comunista Luca Barbuti, replica alle dichiarazioni del sindaco Marco Filippeschi per quanto riguarda la vicenda Ikea

"I percorsi urbanistici accelerati sono spesso pieni di difetti, di cui purtroppo ci si accorge troppo tardi. Ma siamo in campagna elettorale e Filippeschi non va per il sottile - afferma il segretario provinciale del Prc Luca Barbuti, replica alle accuse del sindaco di Pisa sulla vicenda Ikea - Il primo cittadino pisano aveva ricevuto anche i complimenti della multinazionale svedese che ha parlato di tempi record, mai visti prima in Europa e nel mondo e aveva criticato l'atteggiamento di opposizione al progetto di Rifondazione comunista e Pdl".

Barbuti sottolinea che il voto favorevole alla variante urbanistica su Ikea ha consentito una cospicua plusvalenza alla società che ha acquistato dal Comune una parte dei terreni destinati al colosso del mobile e che sono stati pagati solo dopo che la commissione urbanistica ha approvato la variante stessa.

Nei mesi scorsi la segreteria generale dell'Unione europea - conclude Barbuti - dopo avere analizzato l'accurato percorso con cui l'amministrazione di Vecchiano ha gestito l'insediamento di Ikea nel proprio territorio (durato oltre 6 anni, al termine dei quali la multinazionale decise di rinunciare al progetto), ha scritto ai consiglieri e all'assessore di Rifondazione Comunista affermando di condividere pienamente l'attenzione ad assicurarsi che l'installazione di un sito aziendale avvenga in zone adatte a questi scopi". (Fonte Ansa )

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Toscana zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 16 gennaio

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Emergenza, ipotesi divieto di asporto dopo le 18 per i bar: "E' tempo di disobbedire"

  • Coronavirus in Toscana: sono 436 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana resta gialla"

Torna su
PisaToday è in caricamento