Cronaca

Il mio pensiero per l'amico Gianfranco Mannini

Il cordoglio di Riccardo Buscemi per la morte del noto attivista pisano

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Ammiravo Gianfranco Mannini per la sua determinazione nel portare avanti le battaglie in cui credeva, molte condivisibili, fino a vincerle; perché era sempre un inguaribile ottimista, e lo dimostrava con il suo bel sorriso stampato in viso, nonostante le difficoltà, superate con la sua voglia di vivere e la grande forza di volontà. Se mi chiamava per coinvolgermi, non riuscivo mai a dirgli di no o a ignorare la sua richiesta. Era una persona semplice e autorevole, che ha aiutato tante persone, la sua autorevolezza veniva dal suo esempio, dalla sua coerenza e dalla sua disponibilità. Quando lo incontravo, quasi ogni giorno nel periodo in cui ho lavorato a Tirrenia, mi veniva sempre incontro esclamando “Ragazzaccio!” e mi sferrava un affettuoso pugno al petto, facendomi barcollare. Il mio pugno di replica sul suo petto non lo smuoveva neppure, era granitico anche fisicamente. Amava la vita, amava i suoi figli, ha seguito Andrea con un esemplare amore paterno, senza mai scoraggiarsi. Per me era ed è un caro amico. La sua morte mi rattrista tantissimo. Formulo alla Sua famiglia e al Movimento 5 Stelle le mie condoglianze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mio pensiero per l'amico Gianfranco Mannini

PisaToday è in caricamento