San Giuliano Terme: arriva una 'nuova luce'

Semaforo verde per il restyling dell'illuminazione pubblica nella città termale. Gli interventi previsti

Il sindaco Sergio Di Maio

Via libera dal Consiglio comunale di San Giuliano Terme alla variazione del piano triennale degli investimenti: a favore la maggioranza, contrarie tutte le opposizioni presenti. Con la delibera si avvia la procedura di gara del project financing, approvata dalla Giunta comunale, per l’affidamento in concessione del servizio di energia degli impianti termici, elettrici e di climatizzazione degli edifici comunali e di illuminazione pubblica mediante interventi di riqualificazione energetica.

Grande soddisfazione del sindaco Sergio Di Maio: “Abbiamo lavorato negli ultimi due anni a questo progetto, col via libera del Consiglio comunale avviamo la parte esecutiva. Lasceremo ai nostri figli un Comune più verde che punta all’efficienza energetica e alla tutela ambientale”.

Ecco il progetto nel dettaglio:

Illuminazione pubblica: totale sostituzione degli impianti di illuminazione pubblica con tecnologia a led (5.063 corpi illuminanti); sostituzione dei pali che presentano problematiche strutturali; ricalibratura e restyling dei pali in buone condizioni; sostituzione di tutti i 124 quadri elettrici e centraline e sostituzione delle linee elettriche ammalorate.

Interventi sugli edifici pubblici: sostituzione di 2.561 corpi illuminanti interni ed esterni con tecnologia a led e di 34 centrali termiche di scuole e palestre (nidi, infanzia, primarie, medie), dei palazzi comunali, del Centro civico di Ripafratta e di quello di Gello e della ludoteca di Pontasserchio; sostituzione degli impianti di climatizzazione; interventi di miglioramento della coibentazione degli edifici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Interventi che prevedono un periodo contrattuale di 25 anni con formula full risk per la manutenzione ordinaria e straordinaria a totale carico del gestore. Il Comune dovrà corrispondere solo un canone annuo, comprensivo di tutti i costi. Attraverso un sistema innovativo di telecontrollo, sarà garantito anche il pronto intervento e la reperibilità 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno dei tecnici della manutenzione. Dopo circa 15 anni il gestore dovrà ammodernare nuovamente tutti gli impianti e garantire un rendimento finale non inferiore all’80%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto travolge tavoli e clienti di una pizzeria in via dell'Aeroporto

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus in Toscana: 4 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più: a Pisa giornata da zero nuovi contagi

Torna su
PisaToday è in caricamento