Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca San Giusto / Via dell'Aeroporto

Inquinamento acustico all'aeroporto: "La situazione migliorerà a maggio 2015"

Grazie alla realizzazione del nuovo raccordo sarà arretrato di 600 metri il cono di volo, permettendo così una riduzione dell'impatto acustico dello scalo pisano sulla città. Nel tempo si sono susseguite numerose proteste da parte degli abitanti

Le tante proteste e lamentate dei cittadini contro l’inquinamento acustico del 'Galilei', soprattutto nel periodo estivo, quando l’attività dello scalo aereportuale è massima, forse potranno trovare una prima risposta proprio dal prossimo anno. E’ quanto è emerso dalla seduta della Commissione urbanistica del Consiglio Comunale che, proprio sull’inquinamento acustico dello scalo piano, ha voluto ascoltare ieri l’assessore Ylenia Zambito e Marco Redini, tecnico del Comune di Pisa.

“Abbiamo appreso - così ha detto il consigliere comunale Juri Dell’Omodarme (PD), che è anche presidente della Commissione urbanistica del Comune - che, grazie ad alcune nuove procedure introdotte da Enac (che è il soggetto titolato alla verifica ed il rispetto delle procedure aeree) e grazie agli investimenti di Sat per circa 18 milioni di euro, saranno migliorati notevolmente gli effetti negativi causati dal rumore degli aerei nella fase del decollo e atterraggio verso la città. Il 16 giugno scorso sono iniziati i lavori per la realizzazione del nuovo raccordo che unirà le due piste a sud e che garantirà l’arretramento dal punto di vista di avvio della corsa al decollo, e quindi del punto di distacco, consentendo sorvoli a quote ancora più alte rispetto alle attuali e conseguentemente, un’ulteriore riduzione del rumore sulla città. Da pochi giorni è stata chiusa la pista principale e si stanno operando sulla secondaria e questo permetterà di completare la seconda metà del raccordo e procedere così con gli interventi di adeguamento sulla pista principale. L’ultimazione dei lavori, compreso il nuovo raccordo, è previsto per maggio 2015. Questi interventi permetteranno un arretramento finale di 600 metri del cono di volo permettendo una riduzione importante riguardo all’impatto acustico sulla città. E tale riduzione - conclude Dell’Omodarme - sarà affiancata da un progetto di monitoraggio su cui l’amministrazione comunale sta lavorando assieme a tutti gli altri soggetti coinvolti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento acustico all'aeroporto: "La situazione migliorerà a maggio 2015"

PisaToday è in caricamento