menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inaugurato il Polo scolastico 'Palazzo blu' di Pontedera

Aprirà dal primo febbraio, ospiterà le nuove aule del Liceo Montale delle 8 classi più numerose

Il costante incremento degli iscritti alle scuole superiori e il relativo aumento del fabbisogno crescente di spazi, quest'ultimo necessario anche per il rispetto delle distanze richiesto dalla pandemia in corso. E' così che è nato l'accordo tra Provincia di Pisa, Comune ed Istituti del Villaggio scolastico di Pontedera, unione che ha portato all'inaugurazione di oggi, 30 gennaio, del Polo scolastico 'Palazzo blu'. E' qua che, dal primo febbraio, si trovano le nuove aule del Liceo Montale, in particolare per gli studenti degli indirizzi di scienze umane, linguistico ed economico-sociale. Si tratta delle 8 classi più numerose dell'Istituto.

Alla cerimonia ha partecipato l'assessore all'istruzione Alessandra Nardini, oltre al presidente della Regione Eugenio Giani, all'assessore ai trasporti Stefano Baccelli, al presidente della Provincia di Pisa Massimiliano Angori e al sindaco di Pontedera Matteo Franconi. "Ringrazio la Provincia di Pisa, l'amministrazione comunale di Pontedera e i dirigenti scolastici per il lavoro fatto, che ha visto un'importante sinergia pubblico-privato, e che ci consente di essere qui oggi, in un luogo in cui si potrà fare didattica in presenza in sicurezza", ha detto Nardini. "L'inaugurazione di un Polo scolastico è sempre un grande evento - ha detto Giani - ancora di più per Pontedera, per la provincia di Pisa e per la Regione, perché sottolinea come dalla ripresa delle lezioni in presenza, dopo tre settimane mai abbiamo dovuto registrare un incremento significativo dei contagi collegato alla ripresa dell'attività scolastica".

"In Toscana abbiamo fatto un grande lavoro di squadra, considerando la scuola una priorità - ha aggiunto Nardini - impegnandoci in questi mesi di pandemia su due binari paralleli. Da un lato affinché con la didattica a distanza non si andassero ad accrescere le diseguaglianze, e quindi abbiamo stanziato risorse per i dispositivi e per la connettività nelle scuole. Dall'altro lato abbiamo lavorato affinché, appena possibile, le studentesse e gli studenti potessero tornare in classe, perché sappiamo bene che la didattica a distanza, che è stata una scelta necessaria dettata dalla situazione sanitaria, non può sostituire la didattica in presenza, che è anche socialità. Abbiamo fatto una scelta coraggiosa, ma consapevole, monitorando costantemente l'andamento epidemiologico, con l'obiettivo di tenere insieme due diritti, quello all'istruzione e quello alla salute".

Ha partecipato all'appuntamento anche il Presidente del Consiglio Regionale Antonio Mazzeo: "L'investimento sul nuovo Polo scolastico di Pontedera è un segnale significativo in questa giusta direzione. Perché quando si mettono risorse sulla scuola significa che stiamo investendo sul futuro. E qui i soldi pubblici infatti sono stati impiegati per realizzare una struttura non solo più accogliente e efficiente, ma anche per avere spazi più ampi e aule larghe e accoglienti che consentano, appunto, di evitare affollamenti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Toscana: sopra i 1.300 casi, quasi 200 in terapia intensiva

  • Cronaca

    'Binario 14': partita la riqualificazione di Piazza Giusti

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Svago: 5 film in uscita su Netflix a marzo

  • Attualità

    Svago: 5 film in uscita su Amazon Prime Video a marzo

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento