Lari: inaugurato il recupero della Seconda Cerchia Muraria del Borgo

Il cantiere si è concluso alcuni mesi fa per un investimento totale di oltre 600mila euro. Il sindaco Terreni: "Aumentata l'appetibilità turistica"

E' stata inaugurata ieri, 27 maggio, la Seconda Cerchia Muraria del Borgo di Lari, che è stata recentemente oggetto di un intervento di consolidamento e restauro necessario per pulire e recuperare le fortificazioni che racchiudono il centro del Paese.

L’intervento si è inserito nel più ampio progetto di riqualificazione del Borgo, iniziato più di quindici anni fa con il recupero del Castello dei Vicari e proseguito poi con il restauro della Prima Cerchia Muraria e, recentemente, con la nuova pavimentazione del centro storico. Tutte operazioni che le amministrazioni comunali che si sono succedute hanno voluto portare avanti per completare l’opera di riqualificazione di Lari.

La realizzazione di quest’ultimo progetto, con cui si è riusciti anche a intervenire sul miglioramento e adeguamento sismico del Palazzo Comunale, è stata possibile grazie all’importante contributo della Regione Toscana e della Fondazione Pisa, che hanno assicurato la copertura finanziaria dell’opera, per un costo totale a consuntivo di circa 623.700 euro.

"Per il fondamentale supporto alla realizzazione di questo intervento - commenta il Sindaco Mirko Terreni - voglio esprimere un sincero ringraziamento alla Regione Toscana e alla Fondazione Pisa, da sempre vicine al nostro territorio e sensibili ai progetti di recupero del nostro patrimonio storico e architettonico: Lari, il suo centro e le sue mura, ma anche il Castello con il Museo Dinamico, ne sono una prova. E con questa ultima operazione siamo andati a mettere in sicurezza e a valorizzare la struttura della Seconda Cerchia Muraria del paese, un risanamento che ha portato ad esaltare l’apparato murario, eliminando, tra vari aspetti, le linee aeree dei servizi di energia elettrica e telefonia fino al momento presenti, aumentando senza dubbio l’appetibilità turistica dell’intero Borgo. Borgo che da questo intervento ha dato vita su iniziativa privata a numerose e ulteriori operazioni di restauro degli edifici adiacenti alle mura e a nuove attività commerciali. Un rinnovato impulso, generato da un necessario risanamento della cinta muraria che è stata rinforzata anche dal punto di vista della sicurezza attraverso azioni di consolidamento dell’apparato murario e interventi su una superficie complessiva di 3500 mq".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un ringraziamento pertanto va anche alle imprese che hanno eseguito i lavori - conclude il sindaco - e alla Soprintendenza così come al nostro Ufficio Tecnico, in particolare all’ufficio Lavori Pubblici, che ha progettato e diretto interamente i lavori di restauro alla Seconda Cerchia Muraria. Lavori che si sono conclusi a settembre 2016 i cui risultati tuttavia abbiamo voluto consegnare alla cittadinanza ufficialmente in occasione della Sagra delle Ciliegie, emblema del borgo, proprio come il Castello e le sue mura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: i negozi che effettuano consegne a domicilio a Pisa e provincia

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: 290 nuovi casi positivi in Toscana

Torna su
PisaToday è in caricamento