Ospedale Lotti: inaugurata la nuova sala d'accoglienza dell'oncologia

Sono 100 metri quadri attrezzati per un investimento di 150mila euro. Terminata anche la ristrutturazione della terapia intensiva

Inaugurata oggi, 21 dicembre, la nuova sala d'accoglienza dell'oncologia dell'ospedale Lotti di Pontedera. Soddisfatto il direttore dell'ospedale Renato Colombai, che ha definito la nuova area "un luogo dove il paziente deve essere preso in carico non solo da un punto di vista sanitario, ma anche psicologico". Anche il sindaco di Pontedera, Simone Millozzi, ha evidenziato come in sanità siano importanti le nuove tecnologie e le cure all'avanguardia, ma senza dimenticare la dignità dei malati.

"Oggi si è chiuso un cerchio - ha sottolineato Giacomo Allegrini, responsabile del dipartimento oncologico dell'Asl Toscana nord ovest - perché l'accoglienza completa la ristrutturazione del reparto iniziata alcuni anni fa. Un grazie particolare all'ufficio tecnico, alla caposala e all'associazione 'Non più Sola' che ci ha spronato ad accelerare i tempi".

La nuova sala di accoglienza oncologica è composta da 100 mq completamente ristrutturati, con impianti nuovi, riciclo dell'aria di ultima generazione. Sono stati ricavati 20 posti a sedere, un ufficio e un disimpegno, per una spesa complessiva di 150mila euro

L'oncologia pontederese nel 2017 ha seguito 2466 pazienti di cui 498 nuovi casi, le visite di follow-up sono state 5168 e 2188 le sedute chemioterapiche. Dati che sono aumentati nel 2018, con 2531 pazienti seguiti, di cui 552 nuovi casi; 5213 visite di follow-up e 2210 sedute chemioterapiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'inaugurazione è seguita la visita alla rianimazione ristrutturata secondo i più moderni criteri. Il reparto di terapia intensiva dell'ospedale Felice Lotti di Pontedera, diretto da Paolo Carnesecchi, è polivalente con 6 posti letto, dove sono ricoverati circa 350 pazienti in anno provenienti dal pronto soccorso, dalla sala operatoria e dai reparti di degenza. Il reparto è una 'rianimazione aperta' che permette l'accesso ai familiari durante tutto l'arco della giornata e aderisce al gruppo collaborativo nazionale GIVITI (Gruppo italiano per la Valutazione degli Interventi in Terapia Intensiva), un gruppo composto dalle terapie intensive di tutta Italia, fondato nel 1991 e coordinato dall'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, che promuove e realizza progetti di ricerca con l'obiettivo di valutare e migliorare la qualità dell'assistenza in terapia intensiva, quella di Pontedera  partecipa anche al progetto Margherita per il miglioramento continuo della cura dei pazienti. Il rifacimento è costato circa 90mila euro, nella primavera prossima inizieranno i lavori di ristrutturazione dell'UTIC.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Covid era in discoteca: appello a mettersi in contatto con la Asl

  • Colta alle spalle e rapinata di notte in via Notari: due arresti, si cerca il terzo

  • Coronavirus in Toscana, 61 nuovi casi: 8 in più a Pisa

  • Incidente stradale lungo l'Aurelia: un morto e tre feriti

  • Minore scomparso a Calambrone: 15enne ritrovato

  • Meteo, quando finirà il grande caldo? Le previsioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento