Migrante morto nel rogo in Calabria: il 29enne era stato spacciatore a Pisa

Era tra le 27 persone rimaste coinvolte nell'operazione 'Cavalieri 2018' che aveva portato all'arresto di 23 persone, con altre 4 che erano scappate prima che scattassero le manette

L'incendio divampato nella baraccopoli di San Ferdinando, 16 febbraio 2019. Una persona è morta. ANSA

Aveva vissuto a Pisa per diverso tempo Moussa Ba il senegalese di 29 anni che ha perso al vita nel rogo che si è sviluppato nella notte tra il 15 e il 16 febbraio nella tendopoli di San Ferdinando (Gioia Tauro). E, sempre a Pisa, era rimasto implicato nell'operazione antidroga 'Cavalieri 2018' che aveva portato all'arresto di 23 spacciatori (poi quasi tutti rilasciati).

Nel corso dell'operazione altri 4 pusher erano invece riusciti a fuggire e a fare perdere le proprie tracce prima dell'arresto. Tra questi c'era anche il 29enne senegalese che era poi stato rintracciato e arrestato da personale del commissariato di Gioia Tauro, il 31 dicembre 2018, su delega della squadra mobile di Pisa. Uscito dal carcere il 16 gennaio, Ba era ritornato nella baraccopoli. A Pisa non poteva farsi vedere, pena l'arresto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Moussa Ba aveva ottenuto la concessione della protezione umanitaria dalla commissione territoriale di Trapani nel 2015. Il 29enne non aveva presentato i documenti per rinnovare il permesso di soggiorno scaduto nel marzo del 2018.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto travolge tavoli e clienti di una pizzeria in via dell'Aeroporto

  • Meteo, il gran caldo ha i giorni contati: torna il maltempo

  • Cede controsoffitto all'interno dell'ospedale Cisanello

  • Coronavirus in Toscana: 5 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 4 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

  • Come richiedere la carta d'identità elettronica a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento