Cronaca

Grandi opere: in manette anche l'ex direttore dei lavori del People Mover

Giampiero De Michelis secondo gli inquirenti ha ottenuto in modo illecito commesse e appalti in favore di società a lui stesso riferibili. Ai domiciliari anche il presidente del cda di Pisamover spa

Un'inchiesta che riguarda da vicino anche la città della Torre e la sua navetta veloce, il People Mover che a breve collegherà l'aeroporto alla stazione ferroviaria di Pisa. A finire nel mirino della Procura di Roma nell'inchiesta sulle grandi opere, l'ex direttore dei lavori del 'trenino' pisano, Giampiero De Michelis, rimasto in carica fino a dicembre 2015. De Michelis, oltre al People Mover, era direttore dei lavori anche per quanto riguarda altre due grandi opere, ovvero la tratta TAV 'A.V./A.C Milano-Genova-Terzo Valico Ferroviario dei Giovi' (Alta Velocita Milano-Genova), la cui costruzione è affidata da R.F.I. al General Contractor COCIV, e il 6° Macrolotto dell’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, la cui costruzione è affidata al General Contractor REGGIO CALABRIA - SCILLA s.c.p.a.

L’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Genova e condotta dal G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Genova, intrapresa in un periodo storico precedente a quello oggetto delle indagini coordinate dalla Procura di Roma, ha fatto luce sull’illecito affidamento dei lavori da parte dei funzionari del General Contractor COCIV a varie imprese esecutrici, nell’ambito della realizzazione dell'Alta Velocità Milano-Genova.

L’indagine del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Roma, avviata a febbraio 2015, ricostruisce le condotte illecite del gruppo costituito, organizzato e promosso da De Michelis e dal suo socio di fatto, Domenico Gallo, un imprenditore calabrese operante nel ramo delle costruzioni stradali, che si avvale del contributo di altre 9 persone, tra cui anche alcuni funzionari del consorzio COCIV.

Secondo gli inquirenti il direttore dei lavori, nell’ambito delle tre importanti opere pubbliche, ha “messo a disposizione” la sua funzione pubblica in favore di alcune imprese impegnate ad eseguire i lavori, ottenendo in cambio commesse e subappalti in favore di società riferibili di fatto a lui stesso ed all’imprenditore calabrese. Inoltre è stata accertata l’esistenza di rapporti corruttivi intrattenuti dal direttore dei lavori con i vertici dei General Contractor che si occupano della realizzazione delle tre grandi opere pubbliche. E' stato appurato infatti che i rappresentanti dei Contraenti Generali COCIV e REGGIO CALABRIA - SCILLA s.c.p.a., nonché del concessionario PISAMOVER S.p.a., da un lato hanno coperto gli accordi illeciti realizzati dal direttore dei lavori con le imprese sub-affidatarie dei lavori e, dall’altro, promesso allo stesso utilità, sotto forma di commesse in favore di società riferibili a lui ed al suo socio calabrese, quale contropartita per la sua disponibilità ad adottare provvedimenti favorevoli ai General Contractors/Concessionari da loro stessi amministrati.

Ventuno le persone destinatarie di misura cautelare (per 11 indagati è stata disposta la custodia cautelare in carcere, per 9 la detenzione domiciliare e per uno soltanto l’obbligo di dimora e di presentazione alla Polizia Giudiziaria). Tra esse anche il presidente del cda di PisaMover spa Mariano Aprea che si trova agli arresti domiciliari.

"ANCHE ESCORT IN CAMBIO DI APPALTI"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grandi opere: in manette anche l'ex direttore dei lavori del People Mover

PisaToday è in caricamento