Inferno in Fi-Pi-Li, cisterna che trasporta combustile a fuoco

Tratto chiuso tra Empoli e San Miniato in entrambe le direzioni

Traffico bloccato dalle 7 di questa mattina, venerdì 6 novembre, lungo la superstrada Fi-Pi-Li per una cisterna in fiamme, al km 32 tra gli svincoli di Empoli e San Miniato. Secondo quanto riportato da AVR, che gestisce l'arteria stradale, l’incidente è stato causato appunto da una autocisterna che viaggiava in direzione Firenze che ha urtato il new jersey e perso la cisterna di gasolio che stava trasportando. Il contenitore è scivolato sull’altra carreggiata ed è divampato l’incendio. Vista la presenza del combustibile si sono levate alte fiamme e un denso fumo nero si è diffuso nella zona. Il sindaco di San Miniato Simone Giglioli ha invitato i cittadini delle zone San Miniato Basso, Isola, Roffia, La Scala e Ponte a Elsa a tenere le finestre chiuse.

Chiuso il tratto della superstrada in entrambe le direzioni, mentre si registrano diversi chilometri di coda. Alle ore 11 sempre circolazione ferma nel tratto tra Santa Croce e Empoli Ovest, con congestionamenti lungo la Tosco-Romagnola. Una prima riapertura potrà essere prevista dopo le ore 13, valutano i Vigili del Fuoco, con doppio senso temporaneo.

Gli aggiornamenti sulla riapertura

Sul posto operano i Vigili del fuoco di Pisa, Firenze, Empoli, Petrazzi, Pontedera e Santa Croce sull'Arno, oltre ad un mezzo del Comando di Prato e i nuclei NBCR (Nucleare Biologico Chimico Radiologico) dei Comandi di Firenze e Pisa. Non si registrano vittime o feriti e le fiamme sono state prontamente domate. Disagi anche al traffico ferroviario visto che la linea corre proprio a fianco alla zona in cui si è verificato l'incidente.


“Sto monitorando la situazione - ha detto l’assessore regionale ad Infrastrutture e trasporti Stefano Baccelli - sono in contatto con AVR, gestore dell’infrastruttura, e stiamo seguendo le operazioni si spegnimento minuto per minuto. Poi valuteremo eventuali danni alle carreggiate. Il primo obiettivo è rimettere in sicurezza la strada e ripristinare lo scorrere del traffico, per alleggerire i disagi dei pendolari che sono rimasti bloccati, anche se i tempi di ripristino non saranno brevi. Inevitabile anche una riflessione sul danno ambientale”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

Torna su
PisaToday è in caricamento