Incidenti stradali

Incidente mortale a Ponteginori: fermato il presunto pirata della strada

Dopo due giorni di ricerche è stato fermato martedì un uomo residente in provincia di Firenze ritenuto responsabile dello scontro con lo scooter di Andrea Tani, deceduto poi per le ferite. L'accusa è di omicidio colposo ed omissione di soccorso

Le indagini condotte da Carabinieri hanno portato all'individuazione del presunto responsabile della morte di Andrea Tani, lo scooterista residente a Saline di Volterra morto in seguito dell'incidente stradale dello scorso 20 settembre a Ponteginori, nel comune di Montecatini Val di Cecina.

Si tratterebbe di un uomo residente in provincia di Firenze. In base ad alcune testimonianze, sorrette dalle immagini di sorveglianza delle telecamere della strada regionale 68 e da alcune foto scattate da una cittadina poco dopo lo scontro, il sospettato si sarebbe fermato dopo l'impatto con il motociclista per poi decidere di fuggire senza prestare soccorso al ferito.

L'auto su cui viaggiava è stata identificata come una Fiat Grande Punto modello Evo, recentemente rintracciata. Su di essa ci sarebbero i segni dell'impatto. L'accusa per il fermato è di omicidio colposo ed omissione di soccorso.

"Faccio i miei più vivi complimenti - è il commento a caldo del sindaco di Volterra Marco Buselli - per il brillante risultato raggiunto dai Carabinieri della Compagnia di Volterra che ha portato al fermo di un automobilista ritenuto responsabile dell’incidente che domenica pomeriggio ha provocato il decesso di Andrea Tani. L'episodio che ha coinvolto Tani ha colpito emotivamente tutta la comunità locale e una risposta così rapida e decisa è un punto fermo importante".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente mortale a Ponteginori: fermato il presunto pirata della strada

PisaToday è in caricamento