Martedì, 22 Giugno 2021
Incidenti stradali

Casciana Terme: agli arresti domiciliari i due pirati della strada

I tagliaboschi, che hanno investito e lasciato a terra la 66enne Fernanda Belcari senza prestare soccorso, sono stati arrestati mentre mangiavano e bevevano in tutta tranquillità a casa di uno dei due

Sono agli arresti domiciliari i due tagliaboschi che mercoledì sera hanno ucciso Fernanda Belcari, la 66enne di Casciana Terme, travolta dal Suv mentre era alla guida del suo scooter. Ieri mattina si è svolto il processo per direttissima per V.C., 50 anni, nato a Frosinone, residente a Radicondoli (Siena), ma domiciliato a Sant'Ermo, nel comune di Casciana Terme, e per K.K., 30 anni, albanese, residente a Villamagna, frazione di Volterra.

I loro arresti sono stati convalidati dal giudice Luca Salutini del tribunale monocratico di Pisa, il quale ha rinviato il processo al 14 giugno perché gli avvocati dei due tagliaboschi hanno chiesto i termini a difesa. Per questo sono stati concessi i domiciliari ai due arrestati, su cui i Carabinieri stanno indagando per capire chi dei due fosse alla guida del fuoristrada. Nell'udienza infatti i boscaioli, che dopo l'incidente sono fuggiti senza prestare soccorso alla vittima, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

I due sarebbero stati arrestati a casa del 50enne, mentre mangiavano e bevevano tranquillamente. Lo stesso 50enne italiano è noto alle forze dell'ordine per reati vari, tra cui maltrattamenti in famiglia e guida in stato di ebbrezza. Per questo gli è stata ritirata la patente in due circostanze. La sua Toyota Land Cruiser di colore grigio è stata riconosciuta da tre testimoni che hanno fornito il numero di targa ai militari.



 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casciana Terme: agli arresti domiciliari i due pirati della strada

PisaToday è in caricamento