Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

L'assessore regionale Marroni in visita all’Asl 5 di Pisa: “Disegniamo insieme la nuova sanità toscana"

Nel corso dell'incontro che si è svolto giovedì l'assessore alla Salute ha presentato la riforma della sanità toscana che vede al centro l'accorpamento delle attuali dodici aziende in tre aziende di area vasta. Marroni ha risposto anche alle domande degli addetti ai lavori

Ha scelto l’Azienda Usl 5 di Pisa l’assessore regionale Luigi Marroni come prima tappa di un tour nelle aziende sanitarie della Toscana per condividere le prospettive della nuova legge regionale sulla riorganizzazione del sistema sanitario.

Nell’incontro con i dirigenti dell’azienda pisana, svoltosi nel pomeriggio di giovedì presso il centro direzionale di via Cocchi l’assessore Marroni ha illustrato i contenuti della riforma appena approvata dal Consiglio Regionale della Toscana: cardine della riforma è l’accorpamento delle attuali dodici aziende Usl in tre aziende, una per ciascuna area vasta: azienda Usl Toscana Centro, azienda Usl Toscana Nord Ovest, azienda Usl Toscana Sud Est.

“La riorganizzazione dell’assetto istituzionale e organizzativo previsto dalla legge - ha spiegato Marroni - è un primo passo di un iter più ampio, che dovrà definirsi entro il prossimo 30 settembre con la presentazione di una proposta di legge regionale ad hoc. Approvato lo schema generale, abbiamo alcuni mesi di tempo per attivare un confronto con tutti gli operatori per arrivare a discutere dei dettagli, di ruoli e procedure da seguire. Per questo vorrei attivare da subito, prima delle elezioni regionali, dei tavoli di lavoro e di ascolto a cui chiedo a tutti di partecipare con spirito costruttivo: in questo modo la nuova sanità regionale la disegniamo insieme”.

Il direttore generale dell’Asl 5 Rocco Damone, introducendo l’incontro, ha ringraziato l’assessore per aver scelto Pisa come prima tappa del suo tour, mantenendo quell’impegno a confrontarsi e ascoltare dirigenti e dipendenti dell’azienda, i quali hanno dimostrato un atteggiamento proattivo producendo negli ultimi mesi delle osservazioni che sono state in qualche modo riprese nel testo definitivo della legge di riorganizzazione. “Ora comincia il nostro lavoro - dichiara Damone - bisogna riempire di contenuti la riforma per calarla sui territori, tenendo sempre al centro le esigenze del cittadino. Come Asl 5 abbiamo una dirigenza competente ed innovativa che può portare un valore aggiunto all’Area Vasta in cui saremo inseriti. Parteciperemo ai tavoli di lavoro portando competenze e capacità gestionali sviluppate in questi anni di lavoro”.

L’assessore si è soffermato a lungo per rispondere alle domande di dirigenti, responsabili di dipartimento e di unità operative. Molti i temi trattati: la riorganizzazione del territorio con le zone/distretto e l’implementazione delle Case della Salute, l’introduzione del Dipartimento di Medicina Generale, la volontà di individuare un modello regionale condiviso per l’assistenza infermieristica, la salvaguardia delle professionalità già presenti nelle aziende sanitarie toscane.

“Non voglio eludere il tema degli esuberi - ha detto in chiusura l’assessore Marroni - e inviterei tutti a vivere la nuova riorganizzazione come un’opportunità e con flessibilità. Riusciremo a riorganizzare senza fare troppi strappi, sfruttando pre-pensionamenti e volontà di ricollocarsi di molti dipendenti. Un ripensamento razionale del processo di erogazione dei servizi ci permetterà di fare le stesse prestazioni con meno personale; tutto questo ovviamente con il rispetto dovuto verso i singoli dipendenti e salvaguardando le professionalità delle risorse umane".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'assessore regionale Marroni in visita all’Asl 5 di Pisa: “Disegniamo insieme la nuova sanità toscana"

PisaToday è in caricamento