menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pace fatta tra sindaco e rettore: "Insieme nell'interesse della città"

Dopo gli scontri degli scorsi mesi sulla didattica a distanza all'Università di Pisa, Conti e Mancarella programmano i prossimi passi da fare

Incontro a Palazzo alla Giornata fra il sindaco di Pisa Michele Conti e il rettore dell’Università di Pisa Paolo Mancarella. Durante il colloquio, durato circa un’ora, sono stati affrontati i principali temi che riguardano il rapporto fra le istituzioni e la città, al fine di mettere in atto strategie condivise per affrontare questo periodo complicato a causa della pandemia. In particolare il sindaco Conti ha rinnovato la disponibilità a concedere all’Università di Pisa l’uso di alcuni immobili del patrimonio comunale a fini didattici.
"È stato un incontro molto proficuo e cordiale - dice il sindaco Conti - durante il quale abbiamo analizzato insieme la difficile situazione per poter condividere una sinergia che deve farsi sempre più stretta tra Comune e Università nell’interesse della città. Per questo ho confermato al rettore la disponibilità a concedere l’uso del patrimonio immobiliare disponibile per la didattica in presenza o come aule studio, in modo da ampliare gli spazi a disposizione della comunità studentesca presente in città nella massima sicurezza. Abbiamo anche parlato dei test d’ingresso per il prossimo anno accademico per verificare tutte le condizioni perché si possano svolgere in città e di altri progetti futuri che sicuramente ci vedranno collaborare".

"Verso il rettore Mancarella - spiega Conti - con il quale ho avuto un acceso dibattito nei mesi scorsi, non è mai mancata la mia stima personale. Ho nuovamente spiegato le ragioni del ruolo fondamentale dell’Ateneo nel sostegno alla tenuta economica della città, a fronte delle gravi perdite subìte a causa della pandemia da molti settori economici, e la preoccupazione per le conseguenze della scelta dell’Università di privilegiare la didattica non in presenza per un importante indotto, soprattutto nel centro storico, che per Pisa è di fondamentale importanza. Sono convinto che d’ora in avanti potremo discutere su nuove basi e affrontare al meglio, con azioni condivise e concordate, questa nuova seconda fase, complicata anche dalle misure restrittive imposte per il contenimento del Coronavirus".

"Devo dire che ho apprezzato molto la richiesta del sindaco di incontrarci - dice il rettore Paolo Mancarella - è stata l’occasione per ribadire la mia volontà di continuare un dialogo con il Comune che non ho mai interrotto. In questi mesi, certo, non sono mancati momenti di tensione e, per stessa ammissione del sindaco, i toni del confronto, da parte di alcuni esponenti dell’amministrazione comunale, sono stati talvolta eccessivi anche se dettati da una comprensibile preoccupazione per la città. Anche per questo era fondamentale chiarirsi apertamente. Durante l’incontro, peraltro, ho anche sottolineato come le scelte fatte sin da fine maggio da parte dell’Università, si siano dimostrate scelte sostenibili anche in presenza di una recrudescenza della pandemia e questo si riflette sulla salute di tutti, cittadini inclusi, grazie anche all’impatto, ripeto, sostenibile sui mezzi pubblici. Ora dobbiamo continuare così, senza alimentare inutili polemiche che servono a poco".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Arredamento open space: come avere una casa di tendenza

social

Dolci sfiziosi, la ricetta della torta di mele e Nutella

social

Riapre la gelateria De' Coltelli dopo la pausa invernale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento