Cronaca

La rete e i suoi pericoli: studenti a lezione dalla Polizia per difendersi dal cyberbullismo

L'incontro è in programma martedì a San Frediano a Settimo. Fa parte delle iniziative del Safer Internet Day 2018 che si svolge in contemporanea in tutta Italia

La tappa pisana dell'iniziativa 'Una vita da social'

Un incontro per mettere in guardia dai pericoli della rete è quello in programma martedì 6 febbraio presso il l'Istituto Comprensivo 'F. De Andrè' di San Frediano a Settimo (Cascina) alla presenza di oltre 100 studenti. L'appuntamento fa parte delle iniziative promosse per celebrare il Safer Internet Day 2018 organizzato dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Si tratterà di un’edizione speciale del progetto 'Una vita da social', con lo svolgimento, in contemporanea, di incontri presso le scuole in tutta Italia.
La Polizia Postale e delle Comunicazioni incontrerà oltre 60.000 ragazzi in occasione del Safer Internet Day, sul tema 'Creare, connettere e condividere il rispetto: una migliore connessione internet inizia con te'.
L’obiettivo delle attività di prevenzione/informazione è insegnare ai ragazzi a sfruttare le potenzialità comunicative del web e delle community online senza correre rischi connessi al cyberbullismo, alla violazione della privacy altrui e propria, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all’adozione di comportamenti scorretti o pericolosi per sé o per gli altri, stimolandoli a costruire relazioni positive e significative con i propri coetanei anche nella sfera virtuale.

La sensibilizzazione sui temi della sicurezza e dell’uso responsabile della rete è un impegno quotidiano della Polizia Postale e delle Comunicazioni e la collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, della Università e della Ricerca è assolutamente determinante.
“Prevenzione e formazione sono gli strumenti più efficaci per far sì che i giovani imparino a navigare con prudenza in Internet - ha dichiarato Giorgio Bacilieri, dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Toscana - la tutela dei minori in rete è un atto di corresponsabilità delle famiglie, della scuola e delle istituzioni che devono lavorare in sinergia per contrastare i fenomeni legati al cyberbullismo, all’adescamento online, e più in generale i pericoli del web, ricordando comunque che internet rappresenta una grande opportunità”.

L’iniziativa, ha precisato il questore di Pisa Paolo Rossi, "vuole far sì che i giovani imparino a navigare con prudenza in internet e per aiutare, allo stesso tempo, i genitori a conoscere i mezzi a loro disposizione per proteggere i figli dai pericoli del web. Con questo progetto la Polizia di Stato si conferma sempre più vicina ai giovani, sempre più trasparente, sempre proiettata al futuro”.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rete e i suoi pericoli: studenti a lezione dalla Polizia per difendersi dal cyberbullismo

PisaToday è in caricamento