Cronaca

Pontedera, il sindaco incontra i lavoratori della Piaggio: "L'azienda ascolti la loro voce"

Al centro della discussione la situazione di alcuni dipendenti a cui non è stato rinnovato il contratto nonostante da anni lavorassero per l'azienda. Millozzi: "Serve modificare il Decreto Dignità"

Il sindaco di Pontedera, Simone Millozzi, ha incontrato questa mattina, venerdì 26 aprile, una delegazione delle lavoratrici e dei lavoratori della Piaggio insieme ai rappresentanti di alcune categorie sindacali. "La situazione che mi è stata presentata - spiega Millozzi - è mortificante. Dopo aver maturato i requisiti per una assunzione stabile a tempo indeterminato i lavoratori ritengono, con motivazioni plausibili, di aver subito un torto dall'azienda in cui hanno prestato servizio per molti anni: una assunzione definitiva che non solo non si è concretizzata ma che questa volta si è accompagnata addirittura ad una mancata (ri)chiamata anche a termine".

"Mi preme sottolineare - prosegue Millozzi - come la dignità del lavoro sia un tema costituzionalmente tutelato e che debbano essere messi in campo strumenti normativi e risorse economiche nuove per evitare che la flessibilità eccessiva e prolungata finisca, come spesso purtroppo accade, in precarietà. Per questo faccio appello alla direzione aziendale di Piaggio affinché ponga attenzione particolare alle dinamiche ed alle esigenze di un territorio che molto ha ricevuto dalla propria azienda più grande ma che moltissimo ha dato in cambio per poterla far crescere e sviluppare a livello nazionale ed internazionale".

Secondo il sindaco i rapporti tra lavoratori ed impresa devono inoltre "esser disciplinati, oltre che dalla contrattazione collettiva di primo e secondo livello, anche e soprattutto da leggi capaci di trovare meccanismi concreti ed efficaci per tutelare i diritti dei lavoratori. Ecco perchè il Decreto Dignità fortemente voluto dal Governo gialloverde, invece di esser sbandierato come l'abolizione della precarietà, deve esser rivisto, aggiustato e potenziato per raggiungere il fine che dichiaratamente dice di perseguire. Una legge che si prefigge l'obiettivo della stabilizzazione ma che finisce per essere invece lo strumento e l'alibi di aziende per sostituire lavoratori con altri avviando un  turn-over infinito di contratti e persone diverse, genera una lotta degli ultimi contro i penultimi lasciando la stabilizzazione come un miraggio sullo sfondo".

"Il mio appello - conclude Millozzi -  è dunque rivolto anche ai parlamentari del territorio, di ogni forza politica, perchè si attivino con il Ministero competente per rivedere ed 'aggiustare' una legge che oltre al titolo sia davvero in grado di tutelare la dignità del lavoro ed i diritti dei lavoratori".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontedera, il sindaco incontra i lavoratori della Piaggio: "L'azienda ascolti la loro voce"

PisaToday è in caricamento