Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Inchiesta concerie, Toscana Aeroporti precisa: "La pista non è interessata dagli accertamenti"

La società che gestisce il 'Galilei' interviene dopo la relazione alla Camera dei Deputati del ministro Cingolani sulla maxi inchiesta che coinvolge anche le concerie di Santa Croce sull'Arno

Dopo l'intervento alla Camera del ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani, che ha risposto ad un question time del deputato Edoardo Ziello (Lega) sulla vicenda riguardante lo smaltimento illecito di rifiuti provenienti dalle concerie di Santa Croce sull'Arno, interviene Toscana Aeroporti che sottolinea come gli accertamenti riguardanti la presenza di materiale denominato keu nell'area dell'aeroporto 'Galilei' non riguardino la pista.

La società che gestice lo scalo pisano in particolare contesta al ministro il passaggio in cui ha dichiarato: "L'Arpat ha svolto le indagini anche sul materiale utilizzato per la realizzazione della pista presso l'aeroporto di Pisa. E' emerso che il sottofondo era stato realizzato utilizzando, fra l'altro, il materiale della ditta Lerose contenente keu. All'esito di un campionamento in contraddittorio con Arpat nel novembre 2020 è emerso che il materiale riciclato in questo modo rappresentava una potenziale fonte di contaminazione".

"Occorre precisare che, per quanto ad oggi noto, esiste un unico ambito di approfondimento interno all’aeroporto di Pisa, che si trova in area militare, afferente al tema 'materiale terroso/inerte non legato' proveniente dall’esterno del sedime - affermano da Toscana Aeroporti - si tratta di ambito già da tempo notificato dalle autorità competenti alla 46^ Brigata Aerea, titolare e competente delle aree in oggetto e relativi lavori commissionati ed eseguiti.
L’area interessata, aderente alla strip, è esterna alla piattaforma di pista ed è circoscritta alla cosiddetta superficie di riflessione del Guida Planata (Glide Path) a servizio degli avvicinamenti strumentali di precisione per pista 04R, oggetto di intervento di ammodernamento a cura dell’Aeronautica Militare nell’ambito del più ampio intervento di sostituzione del sistema ILS - proseguono da Toscana Aeroporti - non risulta adeguatamente circoscritta, pertanto, la nota fornita al Ministro per la sua risposta al question time che indica nel 'sottofondo della pista' la contaminazione da keu, non essendo la pista interessata dagli accertamenti citati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta concerie, Toscana Aeroporti precisa: "La pista non è interessata dagli accertamenti"

PisaToday è in caricamento