Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Raid vandalici sui treni a San Romano, individuati i responsabili

Si tratta di un gruppo composto da sei giovani che hanno provocato ingenti danni a Trenitalia

Sono stati individuati i responsabili dei danneggiamenti ai treni nella stazione di San Romano, atti vandalici che risalgono allo scorso luglio e che avevano provocato ingenti danni a Trenitalia. Durante le corse notturne sulla tratta regionale Firenze – Pisa, i treni erano stati presi di mira da ignoti che con un martelletto frangi vetro avevano mandato in frantumi numerosissimi finestrini seminando il panico tra i passeggeri e costringendo l’impresa ferroviaria ad uno stop prolungato per le riparazioni.
Ricevute le segnalazioni, gli agenti della Polfer di Pisa e di Firenze hanno attivato le indagini che hanno portato nel giro di pochi mesi alla individuazione e alla denuncia a piede libero di un gruppo di 6 ragazzi, due dei quali da poco maggiorenni, tutti residenti tra Empoli e San Miniato.

Gli accertamenti hanno evidenziato che il gruppo saliva nella stazione di Empoli proprio sul treno preso di mira. A bordo dello stesso i ragazzi raggiungevano la stazione di San Romano dove scendevano e, prima di entrare in azione, attendevano che questo ripartisse. Quando le porte erano chiuse e il treno iniziava a prendere velocità, i ragazzi si scagliavano contro i finestrini colpendoli man mano che le carrozze scorrevano lungo il marciapiede.
Il bilancio più grave è stato raggiunto nella notte dell’8 luglio 2020, quando il gruppo era riuscito a frantumare ben 20 finestrini provocando un danno di oltre seimila euro.

Due giorni fa l’ultimo rintraccio che finalmente chiude il cerchio investigativo stretto dagli investigatori della Polfer di Pisa e Firenze intorno ai responsabili. Gli indagati dovranno rispondere di concorso nei reati di furto e danneggiamento aggravato, oltre a sostenere i danni che saranno richiesti dall’impresa ferroviaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raid vandalici sui treni a San Romano, individuati i responsabili

PisaToday è in caricamento