Greenpeace scende in piazza per l'Amazzonia

L'iniziativa si è svolta sabato in piazza Garibaldi. L'obiettivo sensibilizzare sul legame tra incendi nella foresta amazzonica e il consumo di carne in Europa

Giornata di mobilitazione quella di sabato 5 settembre in piazza Garibaldi a Pisa per i volontari e le volontarie di Greenpeace. Nella giornata che il Brasile dedica all’Amazzonia, gli attivisti hanno dato vita, così come in altre 14 città italiane e numerose piazze europee, iniziative volte a sensibilizzare le persone sul legame tra incendi nella foresta amazzonica e il consumo di carne in Europa.
"La richiesta di nuovi terreni per i pascoli e per la produzione di mangime a basso costo destinato anche ai nostri allevamenti intensivi è la spinta maggiore a incendi e deforestazione. Nella maggior parte dei casi, infatti, gli incendi in Amazzonia, e in numerose altre foreste dell’America Latina, vengono innescati deliberatamente per gli interessi dell’agroindustria" sottolineano dall'associazione ambientalista.
“Quello che accade in Amazzonia riguarda anche l’Europa e il nostro Paese. Se è vero che il governo Bolsonaro non ha agito per difendere la foresta, anche l’Europa ha le sue responsabilità: l’Unione Europea sta discutendo l’approvazione del Mercosur, un accordo commerciale con Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay. Se approvato, creerebbe un quadro giuridico ed economico destinato ad aumentare il commercio, e quindi la produzione e il consumo, di carne, mangimi e altri prodotti già fortemente legati alla distruzione dell’Amazzonia, alla crisi climatica in corso e alla violazione dei diritti umani” spiega Martina Borghi, campagna foreste Greenpeace Italia.

"Tra il luglio 2019 e il giugno 2020 l’Italia ha importato dal Brasile oltre 25.000 tonnellate di carne, più di ogni altro paese dell’Unione europea, mentre nel 2019 è stato fra i primi 10 importatori di soia brasiliana dell’Unione - affermano ancora da Greenpeace - secondo i più recenti dati diffusi dall’Istituto brasiliano di ricerche spaziali (INPE) ad agosto in Amazzonia sono stati registrati 29.308 incendi, il secondo valore più alto negli ultimi 10 anni, e lo stato di Amazonas ha registrato il più elevato numero di incendi della sua storia: oltre 8.000. A causa di problemi tecnici del satellite NASA registrati a metà agosto, i dati potrebbero essere addirittura incompleti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

  • In isolamento Covid da oltre un mese: limbo regolamentare per il 'positivo a lungo termine'

Torna su
PisaToday è in caricamento