In tre in un'auto non si fermano ai controlli: erano in giro senza motivo

Uno dei tre occupanti della vettura era già stato fermato e denunciato solo poche ore prima per inosservanza del decreto Covid. Denunciati anche due genitori a spasso con i figli

Proseguono i controlli sul territorio da parte del personale del Commissariato di Polizia di Pontedera per verificare le motivazioni degli spostamenti dei cittadini in base al decreto Coronavirus.

Nel pomeriggio di ieri, 19 marzo, a Pontedera, sulla Tosco-Romagnola, una volante ha intimato l’alt a una Renault Clio con a bordo tre persone che, ignorando la segnalazione, ha proseguito la corsa. Ne è nato un inseguimento che si è concluso a Fornacette quando l’autovettura è stata fermata anche con l’aiuto di una pattuglia della Polizia Municipale di Calcinaia.

A bordo sono stati controllati tre cittadini macedoni di 33 , 21 e 18 anni, imparentati tra loro, con precedenti di polizia, due residenti a Cascina e uno a Firenze, che non hanno saputo giustificare in alcun modo la loro presenza itinerante. Sottoposti a verifica al terminale di polizia è inoltre emerso che il 21enne, sempre nella mattinata di ieri, era stato già controllato e sottoposto a denuncia perché trovato fuori dal proprio comune di residenza senza un giustificato motivo.
A tutti e tre è stato redatto verbale di elezione di domicilio con nomina del difensore di fiducia e sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Pisa ex art.650 codice penale. L’autovettura, priva di copertura assicurativa, è stata sottoposta a sequestro dalla Polizia Municipale di Calcinaia.

Sempre nel pomeriggiodi ieri a Pontedera, lungo l’argine del fiume Scolmatore, è stata sorpresa una famiglia, composta da due genitori e due figli di 3 e 10 anni, che passeggiava tranquillamente. Alla richiesta della motivazione i genitori hanno riferito che avevano bisogno di uscire dopo tre giorni chiusi in casa e che comunque non erano tenuti a doversi giustificare perché era una situazione rientrante nella privacy familiare.
Ammoniti sulle conseguenze del loro comportamento sia per loro stessi che per la collettività, il padre e la madre sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Pisa ex art.650 codice penale previa nomina del difensore di fiducia.

In totale nella giornata di ieri sono state controllate dagli agenti del Commissariato pontederese oltre 60 persone, sono state ritirate 34 autocertificazioni che verranno sottoposte a verifiche e sono state denunciate per inosservanze varie 9 persone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Coronavirus in Toscana, 90 casi in più: a Pisa 24 nuovi positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento