Sabato, 12 Giugno 2021
Cronaca Porta a Lucca / Via Ugo Rindi

Folle corsa per sfuggire alla Polizia dopo il furto, a bordo anche due bambini

L'inseguimento è partito da Porta a Lucca, domenica alle ore 12, ed è arrivato fino ad Arena Metato. Denunciata una donna per ricettazione, fuggito il conducente

Scappano al controllo della Polizia e parte un folle inseguimento in auto. Quando vengono fermati la scoperta: a bordo c'erano anche due bambini.

E' successo oggi, 26 agosto, intorno alle ore 12. Tutto è partito da Porta a Lucca: una volante di pattuglia ha notato una Volvo scura station wagon aggirarsi intorno alle auto parcheggiate in zona stadio. Insospettiti, gli agenti hanno attivato i lampeggianti per intimare lo stop al veicolo. Il conducente dell'auto ha deciso di fuggire con una sgommata.

E' partito così l'inseguimento per le vie del centro, che è durato per circa 5 chilometri. Via Rindi, passaggio a livello e via San Jacopo, fino alla rotatoria di Arena Metato. Il malvivente ha poi proseguito verso il Serchio fino a via del Ramo di Sant'Andrea, dove ha imboccato una strada sterrata che prosegue lungo l'argine del fiume. E' qui che di colpo ha inchiodato, costringendo i poliziotti ad una manovra evasiva che per poco non faceva ribaltare la loro macchina.

Il conducente a quel punto ha aperto la portiera ed è fuggito in mezzo ai campi, riuscendo a far pardere le proprie tracce. Gli agenti si sono diretti verso la Volvo e sono riusciti a fermare l'altro occupante, una donna, seduta sul lato del passeggero. Nel veicolo, nascosti dietro ai sedili, c'erano due bambini, identificati poi come i suoi due figli di 7 e 9 anni.

Una volta fatti scendere tutti, gli operatori hanno eseguito la perquisizione dell'auto. All'interno della bauliera sono state ritrovate sei valigie: erano state da poco rubate ad alcuni turisti russi che avevano parcheggiato la propria macchina proprio in zona Porta a Lucca per una rapida visita alla Torre.

La fermata è risultata essere una rom bosniaca con regolare permesso di soggiorno, ormai stanziale a Pisa da diversi anni in un campo nomadi della città.Una volta sottoposta ai rilievi fotodattiloscopici in Questura è stata per ricettazione in concorso con persona da identificare. La Volvo è stata sottoposta a sequestro. La Polizia di Stato sta procedendo in queste ore alla restituzione delle borse trafugate ai legittimi proprietari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Folle corsa per sfuggire alla Polizia dopo il furto, a bordo anche due bambini

PisaToday è in caricamento