Cronaca

Falsi invalidi, interrogazione parlamentare di Gelli (PD): "Siano coinvolte le associazioni"

Dopo il recente caso del finto cieco scoperto a Pontedera e pizzicato mentre passeggiava tranquillamente da solo, il presidente di Cesvot e parlamentare del Pd Federico Gelli chiede maggiori controlli per evitare il moltiplicarsi di queste truffe

Sapere a quanto ammontano i risparmi per la spesa relativa alle indennità di invalidità previsti dalla legge di stabilità per il 2013,  conoscere i risparmi ottenuti con i controlli effettuati nello stesso anno e di quanto si intenda aumentare il fondo per le non autosufficienze da distribuire nell'anno in corso. E’ quanto richiede, attraverso un’interrogazione parlamentare rivolta al Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, il presidente di Cesvot e parlamentare del Pd Federico Gelli, mobilitato dopo la recente vicenda di un 'falso invalido' di 56 anni scoperto a Pontedera, che ha riportato alla ribalta il problema degli abusi e delle distorsioni nel sistema dei sostegni economici statali alle persone affette da disabilità. L’uomo, ufficialmente non vedente, come si ricorderà, è stato scoperto dalla Guardia di Finanza mentre passeggiava da solo, accompagnava la figlia a scuola e faceva shopping. Lo stesso è ora accusato di truffa ai danni dello Stato e gli sono stati sequestrati i beni per risarcire l'Erario di oltre 47.000 incassati illegittimamente. Dal 2011 il falso cieco riceveva infatti un assegno di circa 1.200 euro al mese.


Nell’interrogazione si auspica inoltre la promozione di forme di maggiore coinvolgimento delle associazioni che si occupano di persone affette da invalidità, così da ottenere una più efficace azione di contrasto al fenomeno dei falsi invalidi da parte delle autorità competenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsi invalidi, interrogazione parlamentare di Gelli (PD): "Siano coinvolte le associazioni"

PisaToday è in caricamento