Cronaca

Tmm, interrogazione ai Ministeri: "Interventi urgenti per far ripartire il lavoro"

E' la deputata del Pd Susanna Cenni, insieme ai colleghi Ciampi e Ceccanti, a sostenere la lotta dei lavoratori da mesi in presidio

La lunga e delicata vicenda della Tmm, l'azienda dell'indotto Piaggio di Pontedera che vede i lavoratori da mesi in presidio contro la chiusura, sbarca a Montecitorio grazie ad un'interrogazione, presentata da Susanna Cenni, parlamentare del Partito Democratico, e sottoscritta anche da colleghi onorevoli dell’area pisana,  Lucia Ciampi e Stefano Ceccanti, ai ministri dello sviluppo economico, del lavoro e delle politiche sociali. L'obiettivo è chiedere interventi urgenti per tutelare gli operai e verificare ogni possibilità di rilancio all'azienda pisana che è storica produttrice di marmitte.

“La Tmm - scrive Susanna Cenni nell'interrogazione - è una delle aziende dell'indotto Piaggio entrata in crisi con la conseguente messa in liquidazione e ben 85 esuberi dal mese di agosto. Di fronte a questa difficile situazione gli operai, in mobilitazione da lungo tempo e che ho avuto modo di incontrare durante la campagna elettorale, stanno verificando ogni sbocco, anche ipotizzando forme di partecipazione diretta per poter proseguire l’attività. Un progetto di rilancio che per poter avere gambe ha però bisogno delle commesse della Piaggio a cui ha fatto appello anche la Regione Toscana, che ha chiesto ai vertici dell’industria di favorire la ripartenza della produzione di marmitte nell'area di Pontedera”. “L’indotto di tale azienda - aggiunge l’onorevole Cenni - in Toscana ed in provincia di Pisa è notevole in termini di occupazione e fondamentale per la tenuta sociale ed economica territoriale. Lo stesso presidente di Piaggio Roberto Colaninno sembrerebbe aver dato la propria disponibilità a riportare la produzione di questa componente nel comprensorio di Pontedera. Su tutto questo, sul coinvolgimento del Ministero dello Sviluppo economico chiamato in causa anche dal Comune di Pontedera, ho chiesto conto nell’interrogazione presentata, in cui sollecito i ministri competenti in merito al quadro che sta interessando l’indotto dell’industria Piaggio in provincia di Pisa e sugli interventi urgenti da assumere per salvaguardare i livelli occupazionali delle aziende in appalto, ed in particolare dell’impresa Tmm”.

Fin dall’inizio della crisi Tmm, vale a dire dal mese di agosto dell’anno passato, anche l’Unione Valdera ha mostrato la sua vicinanza ai dipendenti della ditta. Sia il presidente e onorevole Lucia Ciampi, che i sindaci dei Comuni dell’Unione, in primis il primo cittadino di Pontedera, Simone Millozzi, hanno portato la loro solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici in mobilitazione, aprendo con loro un canale diretto di dialogo.
“Grazie al clima di confronto e scambio che si è instaurato tra gli operai e diversi livelli istituzionali - sottolinea Lucia Ciampi - sono stati numerosi i tentativi che in questi mesi si sono susseguiti, in cerca di una soluzione alla vicenda. Tra le ipotesi che si sono profilate per una ripartenza, particolarmente accreditata è stata quella della costituzione di una cooperativa, con il diretto coinvolgimento nella gestione degli operai Tmm. Affinché un progetto di questo genere possa concretizzarsi anche per la Tmm sono però necessarie commesse. Decisive a questo proposito sono e saranno le scelte industriali del principale committente, vale a dire il gruppo Piaggio". “Proprio per questo motivo - conclude la presidente Ciampi - abbiamo deciso di prendere posizione in merito, sollecitando i ministri competenti a esprimersi e mobilitarsi a sostegno della difficile situazione che coinvolge i lavoratori Tmm e, in senso più generale, per le criticità relative ai livelli occupazionali delle aziende che rientrano nel bacino dell’indotto Piaggio”.

“Sottoscrivo appieno l’interrogazione presentata dalla nostra deputata, Susanna Cenni - sottolinea il segretario provinciale del Partito Democratico Massimiliano Sonetti - la politica non può lasciare da soli gli operai e le loro famiglie, e la vicinanza non può che essere dimostrata con atti concreti, rispettando la parola data. Noi, sul territorio, assieme al Comune di Pontedera, che non ha mai fatto mancare il proprio sostegno, continueremo a vigilare e a favorire una conclusione positiva della vicenda".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tmm, interrogazione ai Ministeri: "Interventi urgenti per far ripartire il lavoro"

PisaToday è in caricamento