Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Cep / Via Gentile da Fabriano, 1

Misericordia, c'è l'intesa sui contratti di solidarietà: sì da Cgil-Cisl-Uil, no dai Cobas

I vertici dell'Arciconfraternita hanno firmato l'accordo con le tre sigle sindacali per la riapertura di un tavolo di trattativa per il rinnovo dei contratti di solidarietà. I Cobas mantengono lo stato di agitazione: "Formulazione ambigua"

E' stata siglata stamani in prefettura a Pisa, nell'ambito della procedura di 'raffreddamento' dopo l'annuncio dello stato di agitazione da parte dei sindacati, l'intesa tra i vertici della Misericordia pisana e Cgil, Cisl e Uil per la riapertura di un tavolo di trattativa per il rinnovo dei contratti di solidarietà che scadranno il 30 giugno. Non hanno firmato l'accordo i Cobas.

I vertici dell'Arciconfraternita, alle prese con un pesante disavanzo finanziario, dicono i sindacati, "hanno finalmente accolto la nostra richiesta di riaprire le trattative per il rinnovo dei contratti di solidarietà e soprattutto di non prefigurare alcun rischio di licenziamenti per il personale dipendente, come invece era avvenuto nelle scorse settimane". "E' solo un primo passo - precisa Michele Orsi della funzione pubblica Cgil - per discutere dei nuovi contratti di solidarietà e di come uscire dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio la Misericordia. La situazione resta drammatica e non abbasseremo la guardia, ma almeno adesso sappiamo che la questione dei licenziamenti non è più all'ordine del giorno".


Diverso il parere dei Cobas, che infatti non hanno firmato l'intesa: "I dirigenti della Misericordia - si legge in una nota - hanno solo accettato la trattativa sul rinnovo dei contratti di solidarietà, ma lo spettro dei licenziamenti rimane aperto per la formulazione ambigua dell'accordo e pertanto abbiamo deciso di mantenere lo stato di agitazione". (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Misericordia, c'è l'intesa sui contratti di solidarietà: sì da Cgil-Cisl-Uil, no dai Cobas

PisaToday è in caricamento