Cronaca

La "Scuola di Altra Amministrazione" sceglie Volterra per il suo primo corso dell'anno

Tra i temi che saranno affrontati il consumo di suolo, investimenti sostenibili e le energie rinnovabili

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

La Scuola di Altra Amministrazione, per la sua prima edizione del 2014, ha scelto Volterra. Il 28 febbraio prossimo, nella cornice della sala consiliare di Palazzo dei Priori, si svolgeranno i corsi formativi promossi dall’Associazione Comuni Virtuosi in collaborazione con il Comune di Volterra. Un anno interamente dedicato all’Europa e alle buone prassi degli amministratori virtuosi.

In questa prima edizione saranno raccontate le esperienze del Comune di Cassinetta di Lugagnano (MI) e del Forum nazionale “Salviamo il paesaggio“, promotori del no al consumo di suolo e della tutela del territorio. Il Patto dei Sindaci e le scelte energetiche del Comune di Montechiarugolo (PR), con un progetto che ha dimostrato come si possa, anche in presenza del patto di stabilità, garantire al territorio investimenti sostenibili e occupazione locale. Sarà analizzato da vicino il gruppo di acquisto sulle energie rinnovabili Cooperativa di comunità, del Comune di Melpignano (LE) e lo strumento scelto per coinvolgere attivamente i cittadini della comunità, la cooperativa. Storie di ordinaria straordinarietà, da scoprire, copiare, replicare nei propri territori.

Cos’è la scuola La "Scuola di Altra Amministrazione" nasce e si sviluppa nei suoi tre anni di vita come strumento di divulgazione e diffusione capillare delle buone prassi ambientali sperimentate dai Comuni in giro per l'Italia. In pratica è un corso di alta formazione che ha lo scopo di contribuire alla diffusione di pratiche di gestione “virtuosa” della “res publica” e la trasmissione di competenze fra amministratori. Le buone pratiche, già attuate e sperimentate con successo in alcuni comuni italiani, verranno illustrate e spiegate ai partecipanti. Destinatari del corso sono sindaci, assessori, consiglieri e candidati, tecnici, funzionari e segretari/dirigenti comunali e cittadini motivati a riprodurre sul territorio buone pratiche di successo. I corsi sono pensati come momenti formativi con momenti di teoria e molta pratica. I docenti della scuola sono gli amministratori stessi: sindaci, assessori, consiglieri comunali (affiancati di volta in volta da funzionari, tecnici, volontari) protagonisti delle storie e dei progetti che vengono portati a scuola. Il linguaggio è semplice e diretto, lo scopo è quello di trasferire conoscenza e strumenti per replicare ovunque esperienze che hanno funzionato in un determinato contesto. I temi sono quelli della gestione del territorio, impronta ecologica della macchina comunale, rifiuti, mobilità sostenibile, nuovi stili di vita, partecipazione.

L’iscrizione è obbligatoria, 50 euro a persona (e comprende anche il buffet a filiera corta della pausa pranzo). On line il modulo per l’iscrizione: www.altramministrazione.it/modulo-di-iscrizione.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La "Scuola di Altra Amministrazione" sceglie Volterra per il suo primo corso dell'anno

PisaToday è in caricamento