'Slow food' al Sant'Anna: ciclo di incontri aperti su valorizzazione del cibo e sicurezza alimentare

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Per il ciclo di seminari promossi da Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola superiore Sant'Anna e Regione Toscana, aspettando Expò 2015

Aspettando l'inaugurazione di Expò 2015 a Milano, l'Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e la Regione Toscana organizzano un ciclo di seminari sul cibo, in tutti i suoi aspetti: dalla valorizzazione dei prodotti tipici alla sicurezza alimentare. In questo contesto, si colloca l'incontro del 5 febbraio (aula 3, inizio ore 14.30) con Raffaella Grana di Slow Food Toscana e con Roberto Burdese, presidente onorario di Slow Food Italia - Slow Food Nazionale. "Nutrire il Pianeta: la versione di Slow Food" è il titolo del seminario, durante il quale condividere l'essenza dei tre principi di cui si fa portatore Slow Food per il cibo, ("buono, pulito e giusto") e per capire meglio come essi rappresentino la "via maestra" per affrontare le più urgenti e le più difficili sfide globali, legate proprio all'alimentazione. La lotta alla malnutrizione, il supporto all'agricoltura sostenibile e la tutela dell'ambiente, il rapporto tra cibo e salute sono alcuni temi su cui i relatori si soffermeranno nel seminario alla Scuola Superiore Sant'Anna, anticipando, secondo la definizione di Grana e di Burdese, l' "interpretazione sul futuro del cibo", di cui Slow Food si farà portatore all'Expò 2015.

I successivi appuntamenti con i seminari verso Expò 2015 analizzeranno ancora aspetti legati alla produzione, alla distribuzione e al consumo del cibo. I titoli dei prossimi due incontri saranno "Verso la riduzione dei rifiuti alimentari: le regole del cibo ostacolo e soluzione nella lotta allo spreco alimentare", con Pamela Lattanzi, docente all'Università di Macerata (12 febbraio, aula 3, ore 10.00) e "Il cibo di chi non lo ha", con Gianni Rufini, direttore di Amnesty International Italia (19 febbraio, ore 11.30, aula 6). La partecipazione è aperta a tutti coloro che sono interessati, per ragioni di studio o per interesse personale, a seguire gli incontri. Il loro programma completo è disponibile su https://www.sssup.it/news.jsp?ID_NEWS=4947>emplate=default.jsp .

Torna su
PisaToday è in caricamento