Ladri entrano in casa, scatta l'allarme: un arresto, si cercano due complici

Il proprietario ha ricevuto la notifica sul telefono ed ha chiamato la Polizia, che ha fermato l'autista della banda

La Polizia di Pisa ha arrestato l'altra sera il componente di una banda di ladri, probabilmente dei professionisti del furto, che ha dato l'assalto ad un'abitazione lungo la via Calcesana a San Giuliano Terme insieme ad altri due complici, attualmente ricercati. 

Tutto è partito dall'allarme presente in casa, con la notifica arrivata sullo smartphone del proprietario. La famiglia infatti era uscita da poco per fare una passeggiata. E' partita immediatamente la telefonata al 113, con la Questura che ha inviato sul posto due volanti: una si è diretta verso l'ingresso principale e l'altra, circospetta, ha posto sotto osservazione un'auto sospetta parcheggiata nelle vicinanze, con al volante un uomo. Ed è da qua che è partito l'inseguimento: un altro uomo è salito all'improvviso sul mezzo, scattato poi a tutta velocità. Erano in fuga.

I poliziotti sono così partiti per seguire l'autovettura, che ad un tratto ha cessato la sua marcia. Il passeggero è riuscito ad allontanarsi a piedi, mentre gli agenti sono riusciti a bloccare il guidatore. Si tratta di un cittadino italiano di origini albanesi di 36 anni, residente a Pisa. Per lui è scattato l'arresto e la seguente misura degli arresti domiciliari.

Le indagini, appena avviate, hanno permesso di capire che ad agire erano in tre: in due erano entrati in casa, mentre la terza persona era proprio l'autista che aspettava in macchina. Proseguiranno ora gli accertamenti per l'individuazione dei due fuggitivi. Intanto è scattato il sequestro per l'auto usata per il furto, mezzo non coperto da assicurazione dentro al quale sono stati ritrovati orologi di valore ed un bilancino di precisione, materiali anch'essi sotto sequestro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

Torna su
PisaToday è in caricamento