Cronaca

E' Lajatico il Comune più ricco d'Italia

Il paese di Bocelli è in vetta alla classifica per reddito medio pro capite con 46.216 euro

E' Lajatico, patria del tenore Andrea Bocelli, il Comune più ricco d’Italia, Cavargna (Como) il più povero. È quanto emerso dall’elaborazione effettuata dall’istituto di ricerca INTWIG dei dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. L’analisi riguarda i redditi del 2019 e mostra una prima tendenza: il reddito imponibile pro capite pre-Pandemia (al netto delle eventuali detrazioni) è risultato di 20.079 €, sostanzialmente stabile rispetto al dato del 2018 (20.049 €).

INTWIG ha analizzato i dati italiani, Comune per Comune, per mettere in risalto le differenze di reddito imponibile pro capite.
Con un reddito di 46.216 € pro capite, Lajatico occupa il primo posto nella top 10 del 2019 dei Comuni più ricchi d’Italia, guadagnando una posizione rispetto all’anno scorso. Seguono Basiglio (MI) e Cusago (MI), rispettivamente in seconda e terza posizione. Tra le novità del 2019, l’entrata in top 10 di Bogogno (NO) – che guadagna 32 posizioni – e di Rubiera (RE), che balza dalla 336° posizione del 2018 alla sesta del 2019.
Negli ultimi posti della classifica si posizionano i piccoli Comuni di confine Cavargna (CO), Val Rezzo (CO) e Valle Cannobina (VB) con un reddito medio rispettivamente di 6.243 €, 6.657 € e 6.776 € probabilmente dovuto all’economia transfrontaliera.

A livello regionale, nelle parti alte della classifica non si registrano grandi scostamenti rispetto allo scorso anno: fatta eccezione per il Trentino-Alto Adige che supera il Lazio passando in terza posizione, anche nel 2019 le cinque Regioni 'più ricche' d’Italia restano Lombardia, Emilia-Romagna, Trentino-Alto Adige, Lazio e Piemonte. In fondo alla classifica si confermano Molise, Calabria e Puglia.
La Toscana si trova al decimo posto, sostanzialmente stabile rispetto al 2018, con 20.478 euro di reddito medio pro capite.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' Lajatico il Comune più ricco d'Italia

PisaToday è in caricamento