Vecchiano: proseguono i lavori di rafforzamento arginale tra Nodica e Migliarino

Partite anche le lavorazioni sulla condotta idrica ad Avane, propedeutiche al nuovo cantiere della Regione che partirà in località Cortaccia

Proseguono a pieno ritmo i lavori a cura della Regione Toscana finalizzati al rafforzamento arginale tra Nodica e Migliarino. “Abbiamo avviato un assiduo confronto coi cittadini finalizzato a capire insieme l’impatto delle lavorazioni sulle abitazioni, impatto che sembra essere ridotto al minimo e non destare alcuna preoccupazione. Inoltre, dal momento che si tratta di interventi fondamentali per la sicurezza idrogeologica sul nostro territorio, stiamo monitorando costantemente, come Ente comunale, l’andamento delle lavorazioni nella loro interezza” afferma il sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori.

Intanto anche ad Avane sono iniziate delle lavorazioni, in questo caso a cura di Acque Spa, finalizzate allo spostamento della condotta idrica e dunque propedeutiche all’avvio del cantiere di rafforzamento arginale, a cura della Regione Toscana, in località Cortaccia. Nei giorni scorsi il sindaco Massimiliano Angori e l’assessore alla Sicurezza Idrogeologica Sara Giannotti si sono recati sul posto per effettuare un apposito sopralluogo. “Il cantiere è attivo in prossimità del Cimitero di Avane e, così come ci hanno confermato i tecnici di Acque Spa, si tratta di un’operazione complessa che viene eseguita con tecniche innovative - commentano Angori e Giannotti - le lavorazioni sono a buon punto, e i tecnici contano di chiudere questi lavori entro il mese di agosto, affinchè possa poi partire a ruota il cantiere regionale per il rafforzamento arginale. La nostra amministrazione comunale, dunque, seguirà attentamente anche questo intervento, che è fondamentale per garantire la sicurezza idrogeologica all’interno della frazione avanese”.


 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

  • In isolamento Covid da oltre un mese: limbo regolamentare per il 'positivo a lungo termine'

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento