Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Castelfranco di Sotto: a lavoro nei boschi di Montefalcone contro il degrado

L'obiettivo dell'amministrazione comunale, oltre al prevenire incendi e dissesto idrogeologico, è quello di combattere il degrado, lo spaccio e la prostituzione. "E' indiscutibile l'impegno che stiamo mettendo per valorizzare i boschi delle Cerbaie" dice il sindaco

Sopralluogo ieri mattina da parte del sindaco di Castelfranco di Sotto Gabriele Toti e dell'assessore all'Ambiente Federico Grossi per verificare l'andamento degli interventi presso i boschi di Montefalcone. Infatti, dopo i lavori di consolidamento del versante franoso di Via Costa Impietrata sotto la Villa di Montefalcone per 48mila euro (grazie a totale finanziamento regionale ?PSR), stanno per giungere a termine anche i corposi lavori forestali di disboscamento, regimazione delle acque superficiali e pulizia lungo la SP Castelfranco-Staffoli.

Gli interventi, iniziati a settembre scorso, prevedono il taglio di alberi secchi, arbusti, cespugli e ripristino canalette di scolo delle piogge per una fascia di 6 metri dal bordo strada in modo da prevenire incendi, dissesti idrogeologici e, cosa ben più importante, facili nascondigli per prostituzione ed abbandono rifiuti. Analoghi interventi sono previsti anche in Via del Macchione ad Orentano.

I lavori, progettati dalla dott.ssa Tiziana Tei del Consorzio Forestale delle Cerbaie su iniziativa del Comune di Castelfranco di Sotto, finanziati dalla Regione Toscana nel 'piano antincendio boschivo 2015' per un importo di 22mila euro ed eseguiti dagli operai provinciali (sotto il coordinamento del dott. Drosera dell'ufficio forestale provinciale), rappresentano un ulteriore tassello del più grande progetto di valorizzazione delle Cerbaie e lotta al degrado, spaccio e prostituzione intrapreso dall'amministrazione comunale, cercando tutti i finanziamenti possibili.


"Alla fine dei lavori il Comune interverrà rimuovendo i rifiuti abbandonati e gran parte delle discariche abusive trovate, soldi pubblici quest’ultimi che potevano essere spesi diversamente - affermano il sindaco Toti e l'assessore Grossi - contemporaneamente avanzano anche i lavori coordinati dal Comune di Santa Croce Sull'Arno della Ciclopista intorno alla Riserva Naturale Statale di Montefalcone per 30 mila euro. Sicuramente c’è ancora molto da fare e da migliorare ma è indiscutibile l'impegno che stiamo mettendo insieme ai vari enti dopo anni di incuria per cambiare e valorizzare i boschi delle Cerbaie, il polmone verde del Comprensorio del Cuoio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelfranco di Sotto: a lavoro nei boschi di Montefalcone contro il degrado

PisaToday è in caricamento