Lavori pubblici, presentata la variazione al piano triennale 2020-2022

L'importo complessivo del piano passa a 107 milioni di euro: nel 2020 prevista la realizzazione del ponte cicplopedonale tra Riglione e Cisanello, il sottopasso di Putignano e la riqualificazione dei loggiati di Viale Gramsci e Borgo

9 milioni di euro in più e numerosi cantieri pronti a partire entro la fine dell'anno o nei primi mesi del 2021: è questo il consuntivo della variazione al piano triennale 2020-2022 delle opere pubbliche del Comune di Pisa. Lo scorso 26 giugno le modifiche sono state ratificate in commissione consiliare congiunta e verranno presentate al Consiglio Comunale nella seduta del 9 e 10 luglio. Le ripartizioni degli investimenti sono: 53 milioni per la rimanente parte del 2020, 36,5 nel 2021 e 17,5 per il 2022. "La variazione tiene conto della possibilità di applicazione dell'avanzo di amministrazione dell'esercizio del 2019 - spiega Raffaele Latrofa, assessore ai Lavori pubblici - insieme all'utilizzo di alcuni finanziamenti regionali, statali ed europei e ad alcune compensazioni contabili".

Variazioni e interventi principali

Le variazioni rispetto al precedente piano triennale riguardano la realizzazione del ponte ciclopedonale che unirà Riglione con Cisanello, il sottopasso nei quartieri di Putignano e Sant'Ermete, la riqualificazione della Cappella di Sant'Agata e dei loggiati di Viale Gramsci e Borgo e numerosi lavori di manutenzione ed efficientamento su edifici scolastici, piazze, strade e impianti di illuminazione pubblica.

Nello specifico, il sottopasso di Putignano e Sant'Ermete viene anticipato al 2020: la gara, per un importo complessivo di oltre 4 milioni di euro, seguirà la firma della convenzione per il lavoro con Rete Ferroviaria Italia. I lavori partiranno nel 2021. Il ponte ciclopedonale tra Riglione e Cisanello invece viene reintrodotto dal 2019: la stesura del progetto esecutivo, con un importo di quasi 3 milioni di euro, è stato affidata a Pisamo. La realizzazione del cantiere è prevista per la fine dell'anno corrente.

I lavori riguarderanno anche il litorale: la riqualificazione di Piazza Sardegna è stata posticipata al 2021 e, contestualmente agli interventi in Piazza Baleari e Piazza Belvedere (pronte entro la fine di luglio), andrà in gara il progetto di Piazza Gorgona: il cantiere per la riqualificazione partirà nei mesi invernali insieme a Piazza Viviani.

Dal 2019 viene reintrodotta la riqualificazione della Cappella Sant'Agata, con il cofinanziamento della Fondazione Pisa. Infine verranno ristrutturati i loggiati di Viale Gramsci e Borgo e realizzata una nuova fognatura nei quartieri di San Marco e San Giusto in seguito all'esigenza di Toscana Aeroporti di ampliare le proprie infrastrutture: ai lavori comparteciperanno anche il Comune e Acque Spa. 

L'investimento per l'adeguamento alle norme antincendio e antisismiche degli edifici scolastici arriverà a 3 milioni di euro e occuperà buona parte del prossimo anno scolastico. Riguardo a ciò Latrofa e il sindaco Michele Conti spiegano che "stiamo lavorando di concerto con l'assessore alle Politiche socioeducative Sandra Munno per trovare le soluzioni meno disagevoli per i nostri studenti. L'emergenza Coronavirus ha rallenato queste operazioni poiché le ditte incaricate non avrebbero comunque potuto lavorare". L'assessore e il sindaco assicurano di "minimizzare i disagi per famiglie, studenti e professori", e una soluzione potrebbe essere dirottare le classi degli istituti che di volta in volta verranno interessati dai lavori in strutture comunali adeguate alle nuove norme scolastiche anticontagio.

Vengono incrementati gli interventi per la riqualificazione del quartiere de I Passi con le tre estensioni al progetto PIU. Il Comune accederà a finanziamenti aggiuntivi della Regione Toscana e a un bando in 'riserva di efficacia' per la mobilità dolce. E, infine, nei nuovi interventi sono stati inseriti due progetti che saranno realizzati grazie a nuovi finanziamenti statali: un primo intervento deriva dal ministero dell'Interno e consiste in 850mila euro da investire nell'arco di cinque anni nell'efficientamento energetico degli edifici comunali e dell'illuminazione pubblica; il secondo ammonta a oltre 1 milione e opererà nella manutenzione e sicurezza delle strade (da investire fino al 2033).

"Chi ci ha accusato di essere immobili e incapaci nell'intercettamento dei fondi e dei finanziamenti regionali, statali ed europei per le opere pubbliche rimarrà deluso - chiosa Conti - questa variazione è la dimostrazione che lavoriamo su basi concrete, senza lanciare proclami vuoti come spesso è stato fatto dalle amministrazioni che ci hanno preceduto". E poi incalza: "Il sottopasso di Putignano è un'opera richiesta e attesa da quasi 40 anni, incompiuta dal 2006. Anche il percorso ciclopedonale che collegherà il centro con la costa porta con sé un ultimo 'regalo' delle Giunte precedenti: nel tratto finale abbiamo riscontrato la presenza di insediamenti abusivi di rom che necessiteranno di ulteriori 100mila euro per essere sgomberati e smantellati". Raffaele Latrofa e Michele Conti concludono così: "Pur in un momento storico terribile, abbiamo scelto di non rimanere fermi. Seguiremo con decisione due strade: non lasciare nessuno in mezzo alla crisi e proseguire con la realizzazione di opere pubbliche vitali per il nostro territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento