menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parco di San Rossore: rinasce la chiesa di San Lussorio

Visita del Vescovo per vedere i lavori quasi finiti. Il 21 agosto la Messa per il patrono di San Rossore

Quasi terminati i lavori di riqualificazione della Chiesa di San Lussorio, l'edificio religioso realizzato nel secondo dopoguerra nella zona di Cascine Nuove, all'interno del Parco di San Rossore. "Nelle prossime due settimane - il direttore dell'Ente Parco Riccardo Gaddi - l'intervento, finanziato dal nostro ente per 109mila euro, verrà portato a termine con le rifiniture e la riqualificazione delle colorate vetrate artistiche

I lavori hanno permesso di mettere in sicurezza la struttura, riqualificare tutte le coperture con impermeabilizzazione e tinteggiatura, ripristinare tutte le superfici di calcestruzzo sia interne sia esterne, restaurare i rivestimenti e gli infissi, grazie alla direzione dei lavori a cura dell'architetto Andrea Porchera. Il risultato si vede subito, a partire dal campanile che svetta su Cascine Nuove, pronto per il prossimo importante appuntamento: il 21 agosto, giorno del Santo Patrono San Lussorio. Secondo il presidente dell'Ente Parco, Giovanni Maffei Cardellini, si tratta di "un pezzo di storia della Tenuta di San Rossore che riprende vita un luogo simbolico che siamo felici di recuperare".

Nei giorni scorsi si è svolto un sopralluogo alla presenza dell'Arcivescovo di Pisa Monsignor Giovanni Paolo Benotto, di Don Claudio Bullo, del responsabile della ditta Bianchi Costruzioni Srl di Lucca che esegue i lavori, da Simone Bianucci, Monica Cortopassi e Maurizio Sbrana per l'Ente Parco, e del dottor Mugnaini per l'associazione Arci 690 Progetto Cernobyl di Cascina che ogni anno organizza vacanze terapeutiche per i bambini provenienti dai villaggi della Bielorussia. "Sono contento di questo recupero - ha commentato Monsignor Benotto - importante per la cultura, la storia e la fede, non soltanto perchè si tratta di una chiesa, ma anche perchè rappresenta culturalmente e architettonicamente la testimonianza omogenea di un periodo storico ben preciso. Il contesto incentiva la partecipazione di tanti giovani che qui hanno sempre avuto un punto di riferimento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piatti regionali, la ribollita toscana: la ricetta

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Dolci regionali, la ricetta dei cantucci toscani

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Toscana: i nuovi casi superano quota 500

  • Cronaca

    Solidarietà e sport: l'Arno Volley in campo con il logo della Stella Maris

  • Cronaca

    Cultura, i sigilli al Teatro Rossi scatenano la protesta di 'Mi riconosci'

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento