Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Cisanello / Via Italo Bargagna

Legambiente: "Caro sindaco, per Natale, vogliamo il parco a Cisanello"

In una assemblea pubblica tra Legambiente e i cittadini della zona di Cisanello è stata affrontata la questione: l'obiettivo del parco urbano verrà raffigurato su singolari palle di Natale

Dopo i vari incontri e dibattiti tra Legambiente e Provincia, ci sono novità riguardanti le decisioni per la costruzione del parco nella zona di Cisanello. Dai vertici del gruppo dell'associazione ambientalista si fa il punto della situazione, ripercorrendo tutte le tappe delle vicenda durante un'assemblea pubblica convocata ieri pomeriggio. "Dal Comune inizialmente ci avevano confermato che non si poteva fare una variazione di piano nell'area che volevamo adibire a parco cittadino - afferma il Presidente di Legambiente, Marco Ricci - ma adesso dalla Provincia ci arrivano risposte più rassicuranti. Sembra esserci un'attenzione maggiore verso le nostre idee".

In questi mesi Legambiente ha avanzato molte proposte per la gestione del territorio. "Tutti i piani e i progetti previsti per l'area - continua Ricci - sono decaduti per mancanza di fondi. Noi continuiamo a chiedere che tutta la zona venga destinata al parco. Non è necessario urbanizzare oltre quest'area, è molto importante avere degli spazi verdi all'interno della città".

Per continuare a tenere viva l'attenzione sul discorso, Legambiente ha organizzato una simpatica iniziativa natalizia. Sono state disegnate delle palle di Natale di cartone, semplici e colorate con su scritto, da un lato: "Anche al bue e all'asinello garba il parco a Cisanello", mentre dall'altro, rivolgendosi al sindaco Marco Filippeschi: "Caro Marco questo è il parco che vorrei".  Ogni cittadino potrà scrivere qualche riga descrivendo come vorrebbe che fosse il parco urbano di Cisanello.

Le singolari palle di Natale verranno sistemate nell'albero del Comune il 23 Dicembre, dopo la conferenza stampa sul parco che si svolgerà a Palazzo Gambacorti. In sede comunale si continuerà a parlare dell'argomento, Legambiente e cittadini continueranno a cercare punti d'incontro con le istituzioni. Da parte della cittadinanza sono state poste molte domande, quella più frequente è come verranno utilizati i terreni se non dovesse essere fatto il parco. Le decisioni sono ancora da prendere e non c'è niente di sicuro, ma Legambiente teme che i terreni possano essere adibiti alla costruzione di case.

Nuove proposte e idee continuano a venir fuori e sono proprio gli abitanti della zona a dare qualche consiglio. "È arrivato il momento di immaginare e progettare come vorremo il nostro parco - spiega un cittadino durante l'assemblea pubblica - bisogna dare una spinta immaginativa ma soprattutto fare qualcosa di concreto. Con il parco si potrebbe dare occupazione ai giovani, creando una fattoria didattica o dei vivai".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legambiente: "Caro sindaco, per Natale, vogliamo il parco a Cisanello"

PisaToday è in caricamento