Cronaca

Natale tempo di solidarietà: un 'Libro sospeso' per i bambini in difficoltà

L'iniziativa lanciata dalla Caritas vede il supporto di alcune librerie cittadine con l'intento di regalare un sorriso a tanti piccoli

Un libro per scaldare il cuore di tanti bambini più sfortunati. Si chiama il 'Libro sospeso' l'iniziativa lanciata dalla Caritas diocesana di Pisa per il periodo natalizio, in modo da far trovare sotto l'albero dei piccoli che vivono in famiglie con qualche difficoltà un libro da scartare e da leggere con i fratelli e i genitori. Perché “regalare parole è regalare futuro” come recita lo slogan dell'iniziativa.

Per ora hanno aderito in quattro: la 'Ghibellina' di Borgo Stretto, 'Gli anni in Tasca' di Lungarno Pacinotti, la 'Libreria dei Ragazzi' di via San Francesco e il 'Civico 14' di Marina di Pisa. Ma altre librerie potranno partecipare aderendo nei prossimi giorni.
“Non è solo farina del nostro sacco e siamo ben felici di esplicitarlo - spiega il direttore della Caritas diocesana don Emanuele Morelli - tutto è nato dall'incontro con alcuni giovani che ci hanno chiesto in che modo potevano donare qualcosa di utile ai tanti bambini che stiamo seguendo in questo complesso momento di emergenza sanitaria e sociale e di scuola in presenza a singhiozzo. E' nata questa bellissima idea di cui siamo grati a chi l'ha ideata, alle librerie che già adesso hanno aderito e a quelle che lo faranno in futuro”.

L'idea è semplice: in ciascuno dei negozi che partecipano all'iniziativa c'è una cesta posta proprio sotto il manifesto dell'iniziativa. I clienti che vogliono e ne hanno piacere possono acquistare un testo in più e lasciarlo nella cesta. Sarà cura di operatori e volontari della Caritas provvedere a ritirare i libri donati e a consegnarli ai figli delle famiglie in difficoltà del territorio pisano. Sono preferiti testi per bambini e ragazzi di età compresa fra i 6 e i 18 anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale tempo di solidarietà: un 'Libro sospeso' per i bambini in difficoltà

PisaToday è in caricamento