Cronaca Camp Darby

Camp Darby, la Cisl va avanti: gli States in tribunale

Il prossimo 27 settembre è stata fissata l'udienza sul presunto comportamento antisindacale del Governo americano: nella vicenda degli esuberi di personale non sono stati chiamati in causa i sindacati

E' andata avanti la Fisascat Cisl e ha trascinato il Governo americano dritto in tribunale per comportamento antisindacale nella vicenda degli esuberi di Camp Darby, dove appunto sarebbe mancato il confronto con i sindacati. Così il prossimo 27 settembre, davanti al giudice del lavoro Elisabetta Tarquini di Pisa, si svolgerà l'udienza.

"Secondo i legali Umberto Cerrai, Agnese Bertini e Chiara Serradimigni, promotori del ricorso - spiega la Cisl - il Governo Usa in tutta la vicenda avrebbe adottato un comportamento antisindacale e per questo motivo, in ottemperanza all'articolo 28 dello statuto dei lavoratori, anche i licenziamenti dovrebbero essere revocati. Il sindacato non è stato preventivamente coinvolto nella verifica della reale sussistenza delle cause che avrebbero prodotto gli esuberi del personale e nella verifica della consistenza, non solo numerica, di tali esuberi. Ed è stato completamente escluso dall'individuazione e dalla scelta del personale da licenziare. Così facendo il Governo Usa ha compromesso il ruolo e la funzione che la contrattazione collettiva e la legge riconoscono al sindacato".


Intanto, dopo l'incontro in Regione, interviene anche la Cgil che giudica positivamente la riunione e "l'impegno delle istituzioni" e ribadisce "la richiesta di rispetto delle procedure di legge previste per i licenziamenti collettivi in quanto non vige il principio dell'extraterritorialità e quindi trova applicazione la legislazione dello Stato italiano". Infine, la Cgil dice di avere "apprezzato l'atteggiamento di attenzione e ascolto del console Usa in Italia" e auspica "che questo si traduca nella volontà fattiva di un confronto con tutti i sindacati finalizzato all'individuazione e attivazione di strumenti alternativi ai licenziamenti e ai trasferimenti forzati a partire dall'utilizzo degli ammortizzatori sociali, con l'obiettivo condiviso della salvaguardia dei livelli occupazionali". (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camp Darby, la Cisl va avanti: gli States in tribunale

PisaToday è in caricamento