Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca San Giuliano Terme

Licenziamenti alla Misericordia di Lungomonte: appello del sindacato per trovare soluzioni

La Cgil annuncia l'arrivo delle lettere di licenziamento per i 4 lavoratori ed insiste affinché le istituzioni convochino un tavolo di concertazione

I lavoratori della Misericordia di Lungomonte e la Fp Cgil non si rassegnano di fronte alle lettere di licenziamento che sono state recapitate ieri, 21 febbraio, ai dipendenti del presidio di Mezzana.

Per il sindacato "è necessario sconfiggere un disegno che è esclusivamente dettato dalla sola e perversa logica dei numeri, senza che sia stato compiuto il minimo sforzo verso un'analisi concentrata invece a rimettere al centro dell'attenzione il ruolo dell'associazione nel territorio, una verifica dei costi, la difesa dell'occupazione, l'iniziativa di proselitismo e la promozione del volontariato".

Nell'incontro avvenuto sempre ieri con il vicesindaco di San Giuliano Terme insieme ai lavoratori "abbiamo chiesto all'amministrazione - prosegue la Cgil - di promuovere un tavolo di concertazione con i rappresentanti delle Misericordie al fine di capire se per il futuro si riproponga la politica 'del carciofo' o se invece partendo dalla salvaguardia dell'esistente si arrivi magari auspicabilmente a mettere in campo una diversa progettualità, in grado di far vedere la luce in fondo al tunnel".

"L'appello che ci sentiamo di rivolgere alle Misericordie - conclude il sindacato - è che sul territorio a partire dalle istituzioni, si possono trovare sinergie e convergenze che aiutano a superare o ad affrontare in modo migliore le criticità. Non fuggire di fronte ai problemi, non cercare scorciatoie, è il primo passo per risolverli".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Licenziamenti alla Misericordia di Lungomonte: appello del sindacato per trovare soluzioni

PisaToday è in caricamento