Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Si ingelosisce per un sms: schiaffo e bottigliata tra conviventi

I due hanno deciso di comune accordo di interrompere la relazione e la convivenza. L'uomo aveva già a suo carico un provvedimento per minacce e atti persecutori commessi nei confronti dell’ex moglie

Intervento nella mattinata di ieri in zona Don Bosco della Squadra Volante della Polizia di Stato per una lite in famiglia. All’arrivo degli agenti la compagna ha raccontato che la lite era nata per motivi di gelosia a causa di un sms inviato da lei a un amico e che era stata colpita dal compagno con uno schiaffo. Per difendersi la giovane avrebbe poi cercato di allontanare il 29enne pisano, colpendolo alla testa con una bottiglia di vetro e chiudendosi a chiave in una delle stanze della casa.
A quel punto i vicini, allarmati dalle urla della donna, hanno allertato il 113. Sul posto è intervenuto anche il personale medico per fornire le cure necessarie all’uomo, che presentava diverse escoriazioni sul volto e sul collo. Invece la donna non presentava alcun segno di violenza.
A seguito dalle molteplici liti avvenute nell'ultimo periodo, di comune accordo i due hanno così deciso di terminare la loro convivenza e, benchè informati dei propri diritti dai poliziotti, non hanno voluto procedere l’uno contro l’altro.


A seguito di accertamenti, il 29enne è risultato destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione e decreto di sospensione del medesimo, emesso dalla Procura della Repubblica di La Spezia, per minacce e atti persecutori commessi nei confronti dell’ex moglie. L’uomo, dopo le cure mediche, è stato accompagnato in Questura, dove gli è stato notificato il provvedimento: ha 30 giorni di tempo per chiedere al Tribunale una misura alternativa alla detenzione. In caso di diniego per lui potrebbero aprirsi le porte del carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si ingelosisce per un sms: schiaffo e bottigliata tra conviventi

PisaToday è in caricamento