Locazioni commerciali ai tempi del Covid-19: "Problema in crescita, serve un accordo"

Cna Pisa mette in guardia dalla conflittualità sui pagamenti fra conduttore e proprietari, chiedendo che sia normata una procedura che salvaguardi le imprese

Oltre al calo dei fatturati, nel periodo di inattività causata dal Covid-19 le attività economiche che esercitano in locali in affitto si sono trovate di fronte al pagamento dei canoni. Il Presidente Cna Pisa Francesco Oppedisano interviene su un tema caldo per le imprese che "rischia di essere l’ennesima bomba a orologeria" per il sistema economico.

"I costi fissi - dice Oppedisano - in primis il canone di locazione dei fondi commerciali, rappresentano oggi un problema enorme per le attività. Ogni esercizio commerciale, ogni attività economica ha subito almeno una forte diminuzione e spesso perfino un totale azzeramento, del fatturato. Attualmente, si assiste ad una lenta ripresa degli incassi, ma permane l’assenza di una normativa quadro in grado di gestire i diversi interessi in conflitto sul tema del canone di locazione. Non esistono disposizioni specifiche se non quanto contenuto nel D.L. n. 18/2020, c.d. Cura Italia, ovvero, un credito di imposta pari al 60% dell’ammontare del canone di locazione in favore del conduttore sui canoni effettivamente pagati: un canone di locazione non pagato non produrrà, pertanto, il credito d’imposta, creando problemi ulteriori. Se infatti è vero che il conduttore non può ritenersi legittimato a sospendere il pagamento o ad effettuare una riduzione del canone senza un accordo con il locatore, è altrettanto vero che in una situazione di emergenza sanitaria come quella che stiamo vivendo, qualunque autorità giudiziaria potrebbe escludere o ridurre la responsabilità del conduttore per l’inadempimento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Cna intende essere di aiuto nella risoluzione di questa tipologia di conflitto - aggiunge Oppedisano - ed in rappresentanza dei propri iscritti, promuove, sostiene e sollecita la stesura di un protocollo di intesa tra soggetti di rappresentanza dei proprietari e dei conduttori affinché la problematica assuma almeno i caratteri di una 'conflittualità normata'. L’intento e la speranza è quello di mantenere in vita le attività commerciali, così come i contratti di locazione, eventualmente rinegoziando un accordo di riduzione del canone, anche temporaneo, che consenta al conduttore di superare il periodo di emergenza ed al locatore di evitare di dover notificare intimazione di sfratto per morosità e tutte le altre azioni conseguenti. Ma bisogno procedere in fretta, come peraltro già accaduto in altre città, per evitare che il problema si ingigantisca invece che ridursi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Covid in classe: cinque nuovi casi nelle scuole di Pisa

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Caccia al cinghiale estesa oltre i confini ordinari

  • Mareggiata a Marina di Pisa: allagamenti e pietre sul lungomare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento