Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Lotta al degrado, Sant'Ermete: rimosse 62 baracche per una spesa di 150mila euro

L'intervento è stato realizzato nell'ambito del piano di riqualificazione urbanistica del villaggio Erp. I numeri sono stati forniti dall'assessore Zambito in risposta ad un'interrogazione presentata dal consigliere di Forza Italia Gino Logli

Sessantadue baracche rimosse per una spesa totale di oltre 150mila euro, sostenuta interamente da Apes. Questi, in estrema sintesi, i numeri dell’intervento contro il degrado realizzato nell’ambito del piano di riqualificazione urbanistica del villaggio Erp di Sant’Ermete. E' quanto è emerso dalla risposta data dall’assessore Ylenia Zambito, sulla base di una relazione di Apes, ad una interrogazione di Gino Logli, consigliere comunale di Forza Italia, che chiedeva chiarimenti in merito ai numeri e alle cifre dell'operazione. Un'operazione iniziata a marzo 2014 e conclusa nel dicembre dello stesso anno.

"L’intervento –  si legge nella relazione di Apes  – è stato articolato in 4 fasi. Nella prima fase si è provveduto alla rimozione della vegetazione e delle parti in eternit rinvenute. In questa fase sono state anche trovate, sul retro delle baracche visibili, altre baracche crollate e ricoperte da fitta vegetazione. Sono state quindi rimosse 39 baracche ed alcune platee in cemento. Successivamente è stata ripulita l’area dai rifiuti e rimosse le baracche crollate. Nella terza fase sono state smantellate altre 23 baracche dopo aver rimosso le parti in eternit rinvenute".

"Al termine delle precedenti fasi -  continua la relazione - è stato realizzato un intervento di stabilizzazione e rimodellazione del terreno e regolarizzazione dello stesso mediante stesa di stabilizzato e regimentazione delle acque bianche. I materiali oggetto di recupero, come ferrosi e compostabili, sono stati recuperati in impianti autorizzati".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta al degrado, Sant'Ermete: rimosse 62 baracche per una spesa di 150mila euro

PisaToday è in caricamento