Luminara 2019: programma, informazioni e misure per la sicurezza

Domenica 16 giugno torna l'abituale appuntamento con i 100mila lumini che decoreranno i lungarni. Previsti i fuochi d'artificio intorno alle 23.15, addio alla musica incontrollata e giro di vite contro le bevande in bottiglie e contenitori di vetro

La Luminara torna all'antico. "Ma non significa fare un passo indietro - specifica con decisione Filippo Bedini, assessore alle Tradizioni storiche del Comune di Pisa - desideriamo riportare in evidenza l'aspetto religioso e culturale della festa. E soprattutto eliminare gli eccessi ai quali si è arrivati negli ultimi anni". Il Comune di Pisa quindi per l'edizione 2019 propone una Luminara senza la musica assordante sparata dalle casse dei locali che si affacciano sui lungarni e nei vicoli del centro storico. "E' il primo passo di un percorso ovviamente lungo - gli fa eco il sindaco Michele Conti - che va nella direzione del pieno recupero storico e culturale della festa del santo patrono della città. Un concetto, mi preme sottolinearlo, condiviso da tutto lo schieramento politico cittadino. Era inevitabile agire nel ventre molle della festa: nel corso del tempo la Luminara si è trasformata in un rave party diffuso in tutto il centro storico. Desideriamo eliminare questa stortura per fare in modo che anche le famiglie e i turisti possano riappropriarsi di questa serata".

Luminara: come raggiungere i lungarni e le modifiche al traffico

Dalle 15.30 di domenica 16 giugno 160 volontari, selezionati dal Comune di Pisa e dalla ditta appaltatrice, avvieranno le operazioni di accensione degli oltre 100mila lumini che creeranno la suggestione della Luminara. La 'biancheria' è stata posizionata lungo tutti i palazzi che si affacciano sul tratto di lungarni compreso fra il Ponte della Cittadella e Ponte della Vittoria, e alle 21 circa anche la Torre verrà illuminata a festa, contornata dai lumini posizionati per la prima volta lungo il tratto di mura che corre da Torre Santa Maria a Porta Nuova. Tre ore prima, alle 18, ci sarà un evento nell'evento: l'inaugurazione del Museo delle Navi Antiche di Pisa: agli Arsenali Medicei le autorità cittadine taglieranno il nastro del nuovo sito museale insieme a Andrea Muzzi (Soprintendente ai beni culturali) e Alberto Bonisoli (ministro per i Beni e le Attività culturali.

Intorno alle 23.15 è previsto l'inizio dello spettacolo pirotecnico, che verrà proiettato lungo il corso dell'Arno da 14 chiatte galleggianti: per 30 minuti il cielo di Pisa sarà illuminato dai fuochi d'artificio, che potranno essere ammirati anche dai disabili, i quali potranno beneficiare di una postazione apposita situata allo Scalo dei renaioli sotto al Ponte della Fortezza. Non ci sarà però l'accompagnamento musicale.

Palio di San Ranieri, si cambia: partenza alle 19.30

La sicurezza

La macchina della sicurezza verrà condotta dalla Polizia Municipale di Pisa in accordo con la Questura e la Prefettura. Sono stati già mobilitati 700 agenti e 140 steward. Il piano sanitario predisposto dal 118 prevede la presenza di 20 ambulanze e 14 squadre a piedi che a partire dalla 19 percorreranno l'anello dei Lungarni e saranno coordinate da Palazzo Gambacorti. A partire dalle 22 inoltre sarà attivato in Piazza Sant'Omobono un presidio per l'accoglienza di persone in stato di alterazione da alcol o sostanze stupefacenti. Le aree di decongestionamento sono state invece individuate in Piazza Dante e Piazza Santa Caterina per quanto riguarda la parte a nord dell'Arno, e in Piazza Vittorio Emanuele e Piazza San Paolo a ripa d'Arno per la parte sud. A differenza delle ultime edizioni, il Ponte di Mezzo resterà aperto al traffico pedonale anche durante i fuochi d'artificio. Soltanto i marciapiedi verranno chiusi in modo da costituire vie di fuga in caso di emergenza.

Divieti

Attraverso un'apposita ordinanza il sindaco ha predisposto il divieto di vendita, anche per asporto, di bevande in contenitori di vetri a partire dalle 18 di domenica 16 giugno fino alle 3 di notte (stesso orario anche per lunedì 17 giugno). Anche la somministrazione in contenitori di vetro è vietata al di fuori dei locali e delle aree di pubblico esercizio. Inoltre c'è il divieto di portare bottiglie di vetro da casa. I trasgressori saranno puniti con multe da 150 euro. Naturalmente vige anche il divieto di utilizzo di materiale pirotecnico ed esplodente (multe da 150 euro).

Altra novità rispetto alle ultime edizione è il divieto di utilizzo di qualsiasi impianto di amplificazione o diffusione sonora dalle 14 del 16 giugno ale 3 di lunedì 17 giugno. Sarà vietato collocare all'esterno degli edifici, dei locali, sulle strade e nelle piazze, impianti di questo tipo nell'anello dei lungarni e nel centro storico che va da Piazza Garibaldi a Piazza dei Cavalieri, passando per Piazza Dante, e anche in Piazza Gambacorti a sud dell'Arno.

Pulizia e servizi

Durante la serata 4 squadre di operatori Avr saranno incaricati della pulizia delle strade e delle piazze, e dalle 4 di notte entreranno in azione altri 32 operatori. Saranno in funzione 20 bagni chimici, 4 dei quali accessibili ai disabili. Per raggiungere il centro ci sarà il servizio di 'Night Lam' di Ctt Nord, così come il People Mover che effettuerà l'ultima corsa all'1.30 di notte. Trenitalia ha confermato anche il treno speciale per Firenze: partenza da Pisa Centrale all'1.15 e arrivo a Campo di Marte alle 2.25.

Modifiche al traffico

Dalle 12 di domenica 16 giugno alle 14 di lunedì 17 giugno verrà attivato il divieto di sosta sui lungarni dal Ponte della Cittadella al Ponte della Vittoria.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Lutto a Pisa: è morto l'ex sindaco Oriano Ripoli

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • 'L'Amica geniale' saluta Pisa: terminate le riprese della fiction Rai

  • Fi-Pi-Li, mezzo pesante a fuoco in galleria: superstrada chiusa fra Pontedera e Montopoli

  • Impresa: i servizi digitali scendono in Piazza Vittorio Emanuele

Torna su
PisaToday è in caricamento