Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Centro Storico

Verso la Luminara: 185mila euro per 'illuminare' i lungarni

E' quanto spenderà il Comune di Pisa in occasione della festa del 16 giugno

Uno scatto dell'edizione 2015 della Luminara (foto Annalisa Pungente)

Quasi 185mila euro complessivi. E' la cifra che il Comune di Pisa metterà a disposizione per i servizi di montaggio e smontaggio della 'biancheria' e per l'accensione dei lumini in occasione della Luminara 2016. L'impegno di spesa è contenuto in due diverse determine firmate nei giorni scorsi dal dirigente dell'ufficio cultura, turismo e litorale, Michele Aiello. "Per 'biancheria' - si legge nelle due determine - s’intendono le stecche di legno verniciate di colore bianco, sulle quali sono inseriti dei cerchi di fili di ferro", che dovranno poi contenere i lumini.

MONTAGGIO E SMONTAGGIO 'DA ESTERNO'. La prima determina, per un importo complessivo di 125mila euro, ha come oggetto il "servizio di montaggio e smontaggio della 'biancheria' da esterno, accensione dei lumini e altre attività connesse alla Luminara 2016". In sostanza si tratta dell'allestimento della 'scenografia' dall'esterno degli edifici situati sui lungarni e sui ponteggi di Ponte della Fortezza e Chiesa della Spina, oltrechè dell’accensione dei lumini. In totale si tratta di circa una cinquantina di edifici se si escludono quelli che prevedono il montaggio dall'interno e quelli che non sono di competenza del Comune (edifici privati o di altri enti, a cui dovranno provvedere direttamente i proprietari).

L'azienda aggiudicataria dell'appalto dovrà montare e smontare la 'biancheria' (consegnata e depositata da un'altra ditta direttamente ai piedi dei palazzi dove avverrà il montaggio) anche sulle piazze adiacenti ai lungarni: piazza XX Settembre, piazza Saffi, piazza Garibaldi, piazza della Berlina, piazza Carrara, piazza San Sepolcro, quest’ultima ad eccezione della Chiesa. Dovrà inoltre provvedere alla consegna dei bicchieri e dei lumini dal 'deposito' (che sarà situato sui lungarni) alle postazioni di lavoro, alla collocazione di questi nelle apposite 'biancherie', e al coordinamento della fase di accensione "dall'esterno con idonee autoscale e dall’interno mediante l’utilizzo di almeno 60 persone abilitate (in quanto ciascuna piattaforma aerea deve rigorosamente ospitare due persone) oltre ai 150 giovani del rapporto interinale".

Per effettuare queste operazioni l'azienda dovrà infine "garantire l'utilizzo dei mezzi idonei" (considerando che si tratta di un servizio che "comporta operazioni in altezza"). In particolare: almeno 4 piattaforme aeree per il montaggio della 'biancheria'; almeno 4 furgoni o autocarri per il trasporto dei lumini; almeno 30 piattaforme aeree per la collocazione dei lumini nelle apposite sedi di 'biancheria'.

TRASPORTO, MONTAGGIO E SMONTAGGIO DA 'INTERNO'. La seconda determina, per un importo complessivo di circa 57mila euro, ha come oggetto il "trasporto, montaggio e smontaggio della biancheria da interno ed ulteriori attività connesse alla Luminara 2016".

In questo caso l'appalto prevede: il trasporto, montaggio e smontaggio della 'biancheria' da interno sugli edifici dei lungarni (circa 50 palazzi);  il trasporto della 'biancheria' da esterno ai piedi dei palazzi e ai piedi del ponteggio di chiesa della Spina e di ponte della Fortezza; il montaggio, smontaggio e riconsegna "delle bandiere metalliche poste sui lampioni dell’illuminazione pubblica" (circa 120 bandiere); il servizio di fornitura di 15mila lumini compresi di bicchieri e coperchietti che verranno collocati in un 'deposito' sui lungarni; la consegna dei lumini ai palazzi privati che prevedono il montaggio dall'interno (circa 30); l'accensione diretta dei lumini dei due ponti (ponte della Fortezza e Solferino); l'evento 'Aspettando la Luminara' del 15 giugno che prevede il montaggio della biancheria e l'accensione dei lumini del ponte di Mezzo e di Logge dei Banchi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso la Luminara: 185mila euro per 'illuminare' i lungarni

PisaToday è in caricamento