Cronaca

Ma il tuo cuore batte pari?

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Nell'ambito dei progetti volti alla sensibilizzazione della popolazione su temi socio-sanitari avviati dalla Cooperativa Sociale Paim insieme a GeoSalute, l'iniziativa sulle aritmie cardiache " Ma il tuo cuore batte pari ? ", organizzata dall'Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri della Regione Toscana, svolta questa estate in Piazza Garibaldi, ha riscosso un notevole successo, tanto che la giornata verrà replicata a Firenze e a Siena nei prossimi mesi. L'Unità Operativa Cardiologia 2 dell'AOUP , diretta dalla Dott.ssa Maria Grazia Bongiorni, ha elaborato i dati statistici dell'evento che si riportano brevemente.

"Hanno partecipato 118 cittadini nell'arco della giornata e, al termine della dimostrazione, tutti, tranne quattro persone, si sono dimostrati in grado di effettuare autonomamente la misurazione del proprio polso cardiaco. - spiega la Dott.ssa Bongiorni - A tutti i partecipanti è stato somministrato un questionario per la valutazione , la consapevolezza sulle problematiche aritmiche e per la valutazione dei disturbi causati dalle aritmie cardiache; sono state fornite istruzioni su come percepire il battito cardiaco, prendere il polso e valutarne la normalità e sono state eseguite registrazioni del battito cardiaco con elettrocardiogramma monotraccia , analizzate in tempo reale. Analizzando i dati dei questionari dei cittadini che hanno partecipato all'evento è emerso che l' ipertensione arteriosa risulta la patologia più comune e che farmaci antiaritmici, anticoagulanti e antiaggreganti erano assunti  dal 10% dei cittadini. Due persone su tre hanno presentato, almeno in una occasione, dei sintomi da aritmie, e tra questi, risultavano più frequenti il battito molto accelerato, battito irregolare e battito mancante ."

" Ad una persona su otto era già stata diagnosticata una aritmia , rappresentata dalla fibrillazione atriale nella metà dei casi. - continua la Dott.ssa Giannessi - Le persone più giovani, più frequentemente bevitori e fumatori, mediamente erano a conoscenza del Body Mass Index e dell'esistenza di corsi di rianimazione cardiopolmonare. Tra le sintomatologie riferite sono risultati prevalenti un battito molto accelerato tra i giovani e le donne, e battito aritmico negli uomini ed anziani. Il 36 % dei cittadini era già in grado di misurare il polso cardiaco e circa il 17%  aveva già precedentemente eseguito un corso BLS-D. La valutazione elettrocardiografica monotraccia è stata effettuata tramite una app scaricabile da smartphone chiamata ECG check, in grado di vedere ed analizzare, applicando una semplice e piccola piastrina sul torace, o sui polpastrelli delle dita, il ritmo cardiaco: è stato possibile individuare 4 soggetti in fibrillazione atriale che successivamente sono stati rivalutati clinicamente nella UO di Cardiologia 2 dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana. La promozione della conoscenza delle malattie cardiovascolari sin dal loro esordio, a volte subdolo, rappresenta un nuovo obiettivo dell'ANMCO Regione Toscana , ed appare di vitale importanza per promuovere la salute cardiovascolare: oltre all'Area aritmie, sono state identificate l'area prevenzione cardiovascolare e un'area arresto cardiaco/defibrillazione precoce perchè se prevenire è meglio che curare, bisogna anche saper intervenire tempestivamente in un'era di diffusione crescente dei defibrillatori nei luoghi pubblici."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ma il tuo cuore batte pari?

PisaToday è in caricamento