"Servono 1.500 lavoratori": Coldiretti chiede interventi per permettere le attività agricole

L'associazione parla dei riflessi della chiusura per Coronavirus ai braccianti stranieri e di possibili problemi nell'approvvigionamento alimentare

Servono 1.500 operai nei campi delle province di Pisa e Livorno. A dirlo sono Fabrizio Filippi e Simone Ferri Graziani, i presidenti delle confederazioni provinciali di Coldiretti che hanno scritto una lettera indirizzata al Prefetto di Pisa Giuseppe Castaldo e al Prefetto di Livorno Gianfranco Tomao per evidenziare un problema che nei prossimi mesi potrebbe diventare ingestibile. 

"L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo - si legge - ha dei riflessi che in questo momento possono sembrare non prioritari ma che possono aggravare le condizioni di precarietà economica e sociale del nostro Paese". Uno di questi riflessi riguarda il blocco alle frontiere dei lavoratori stranieri che vengono nel nostro paese per le lavorazioni stagionali: "Sono 370mila, necessari alla produzione di almeno il 25% del Made in Italy alimentare".

In particolare nella provincia di Pisa per portare a termine le lavorazioni agricole si ricorreva negli anni passati nel periodo aprile/ottobre a oltre 500 operai agricoli stranieri per un ammontare complessivo di oltre 25mila giornate lavorative. Nella provincia di Livorno, nello stesso periodo, si ricorreva a oltre un migliaio di operai agricoli stranieri per un ammontare complessivo di oltre 60mila giornate lavorative. Le attività sono molte e urgenti, spiegano da Coldiretti: "Dalla raccolta delle fragole e della frutta primaverile, a quella del carciofo violetto della Val di Cornia, alle ciliegie a Lari, per aggiungere le lavorazioni dei vigneti, fino alla raccolta delle orticole a pieno campo, come il popone e il pomodoro, oltre alle necessarie e improcrastinabili attività agricole. Gettando un occhio al domani, in questo elenco andranno inserite anche la vendemmia e la raccolta delle olive". 

Coldiretti Pisa e Coldiretti Livorno fanno quindi proprie le parole del presidente nazionale Ettore Prandini, il quale afferma che "in una situazione di emergenza nazionale serve una radicale semplificazione del voucher agricolo che possa consentire da una parte di cassaintegrati, studenti e pensionati italiani lo svolgimento dei lavori nelle campagne in un momento in cui scuole, università, attività economiche ed aziende sono chiuse e molti lavoratori in cassa integrazione potrebbero trovare una occasione di integrazione del reddito proprio nelle attività di raccolta nelle campagne". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lettera si conclude con la fiducia in un intervento dei Prefetti "presso il nostro Governo affinché possa dare una rappresentazione dei rischi che il nostro Paese può correre in termini di approvvigionamento alimentare, scevra da posizioni ideologiche e orientata verso soluzioni pragmatiche". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Caccia al cinghiale estesa oltre i confini ordinari

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Covid in classe: cinque nuovi casi nelle scuole di Pisa

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Mareggiata a Marina di Pisa: allagamenti e pietre sul lungomare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento