Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca Pontedera

Pontedera: in centinaia in piazza contro CasaPound

Tante le persone che hanno partecipato alla manifestazione contro l'apertura di una sede in città del movimento di estrema destra

Momenti di tensione, ma nessuno scontro ieri, sabato 15 dicembre, a Pontedera dove si sono svolte, nella stessa giornata, l'apertura della sede del partito di estrema destra di CasaPound e una manifestazione antifascista convocata dall'Anpi e da varie sigle di sinistra. La  manifestazione antifascista, che si è svolta a partire dal primo pomeriggio in piazza Cavour, ha visto la partecipazione di centinaia di persone. L'inaugurazione della sede di CasaPound si è invece svolta alle 18 in via Manzoni: alcune decine le persone presenti.

Pontedera, apre la sede di CasaPound: scoppia la polemica

A garantire la sicurezza pubblica un imponente servizio di ordine pubblico organizzato dalla questura di Pisa. Al termine del presidio antifascista, alcuni manifestanti si sono diretti verso via Manzoni, dove si svolgeva l'inaugurazione della sede di CasaPound, ma le forze di polizia hanno impedito che i due schieramenti venissero a contatto. I contestatori non si sono però persi d'animo e hanno urlato slogan e cori contro i militanti di CasaPound, intonando anche le note di Bella Ciao. 

"Una grande e preziosa partecipazione, grazie alla nostra città" ha commentato su Facebook il sindaco di Pontedera, Simone Millozzi. "Alle intimidazioni - ha proseguito il primo cittadino - ed alle parole cariche di odio risponderemo con parole di uguaglianza, libertà, democrazia. Alle discriminazioni risponderemo con i diritti. All'innalzamento dei muri risponderemo con la costruzione di ponti".

Nel frattempo, alle 18,30, Matteo Franconi candidato sindaco del Pd ha aperto il suo comitato elettorale in via Roma. "Proprio nel giorno in cui i CasaPound apre una sede sono orgogliosa di manifestare il mio sostegno a Franconi - afferma la consigliera regionale del PD, Alessandra Nardini, presente a Pontedera - un candidato con la tessera dell'ANPI nel portafoglio. Pontedera è una città democratica, aperta e antifascista e ha anticorpi fortissimi per respingere la nostalgia dell'orrore".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontedera: in centinaia in piazza contro CasaPound

PisaToday è in caricamento