rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Cronaca Centro Storico

Troppi agenti per il corteo Rebeldia: "Rinunciamo all'occupazione"

Circa 400 persone hanno partecipato al corteo di Rebeldia, che da quasi 2 anni è senza sede e che aveva programmato di occupare l'immobile di proprietà comunale per il quale è stato emesso un bando pubblico

Ieri la manifestazione di Rebeldia, che ha chiesto al Comune una migliore gestione degli spazi sociali, si è conclusa senza l'occupazione preannunciata dell'immobile: i partecipanti hanno rinunciato per il centinaio di agenti delle forze dell'ordine che presidiavano la zona. Il corteo è partito dalla zona di piazza del Duomo, rumoroso e colorato, incuriosendo centinaia di turisti e si è concluso senza disordini. Il Municipio dei Beni comuni, come si è ribattezzata per l'occasione Rebeldia,  aveva individuato dei luoghi simbolo per denunciarne lo stato di abbandono: i manifestanti hanno concordato con il servizio d'ordine di entrarvi all'interno per appendervi due striscioni che testimoniassero il passaggio del corteo.

I manifestanti sono stati seguiti a distanza da un cordone di sicurezza di circa 100 agenti, mentre altrettanti sono stati dislocati nei vari obiettivi che avrebbero potuto essere occupati da Rebeldia. "Una militarizzazione della città inaccettabile - hanno spiegato i promotori della manifestazione - che ha mandanti politici e che deve spingere tutti a una riflessione". Al corteo di Rebeldia hanno partecipato anche esponenti politici di Sel e Rifondazione comunista. In assetto antisommossa, centinaia di poliziotti e finanzieri sono stati stanziati a difendere stabili abbandonati da decenni". Lo affermano in una nota Anna Belligero e Simone Oggionni, portavoce nazionali dei Giovani comunisti, commentando il servizio d'ordine che oggi a Pisa ha vigilato sul corteo promosso da Rebeldia per chiedere una nuova gestione degli spazi sociali in città.
 
"Da Pisa a tutti gli spazi sociali d'Italia - hanno concluso - contro le speculazioni riprendiamoci la città come bene comune e per questo oggi abbiamo partecipato al corteo di Rebeldia". Soddisfazione per lo svolgimento pacifico del corteo è stata espressa dal prefetto Francesco Tagliente, che ha ringraziato il questore Gianfranco Bernabei per la capacità di mediazione, pianificazione e gestione della manifestazione.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppi agenti per il corteo Rebeldia: "Rinunciamo all'occupazione"

PisaToday è in caricamento