Cronaca Cisanello / Piazza Santa Croce in Fossabanda

Manifestazione di Ronin Pisa in Fossabanda: "Ai nostri eventi insulti, minacce e aggressioni"

Il movimento politico rifiuta l'etichetta di 'estrema destra' e afferma la sua voglia di andare avanti: "Ronin Pisa fa politica alla luce del sole, è una forza di popolo e per il popolo, è su tutto il territorio pisano da tre anni e continuerà ad essere presente"

Non ci stanno ad essere definiti di "estrema destra" i militanti del movimento Ronin Pisa che intervengono in risposta ad alcuni titoli comparsi su giornali e sul web in cui era sottolineato come sabato prossimo a Pisa si possa andare incontro a eventi quali portatori di tensioni preannunciate, quasi a prevedere devastazioni e guerriglie urbane fra bande. "Si leggono titoli come: 'Presidio dell’estrema destra in Fossabanda' o cose stile vera e propria caccia all’uomo" dicono dal movimento. L'evento a cui Ronin Pisa si riferisce è il Presidio Tricolore lanciato per sabato 14 marzo in Santa Croce in Fossabanda alle ore 18. "Saremo in piazza per dire basta al governo Renzi e all'amministrazione Rossi, per un'altra Italia e un'altra Toscana - si legge nella presentazione della manifestazione - sta nascendo un fronte identitario e sovranista, attento alle esigenze sociali del Popolo e voglioso di riprendere in mano le redini di una Nazione. E' il momento di schierarsi".

Ma poi di fronte al timore di disordini Ronin interviene per chiarire la sua posizione. "Intanto ci teniamo a precisare per l’ennesima volta che estrema destra non siamo, la definizione non ci appartiene. Quello che ci appartiene è una visione del mondo che fa riferimento perlopiù al pensiero nazionalpopolare e nazionalrivoluzionario, non un’etichetta priva di significato da scimmiottare in prima pagina o nelle pagine Facebook - sottolineano dal movimento - per quanto riguarda il resto, ce lo aspettavamo: quando il nostro movimento ha in programma qualcosa (volantinaggi, presidi o quanto altro), scatta come una molla la sirena dell’antifascismo militante, ovvero il solito che da una settantina di anni utilizza i medesimi slogan con l’obiettivo di screditarci o negare la nostra agibilità politica. Partono insulti, minacce in stile mafioso, aggressioni. Insomma, tutti metodi dai quali bisogna passare per ottenere il patentino di democraticità. Ma a questo siamo abituati. Solo che a noi questa roba non interessa, al popolo non interessa. La guerra civile, per quanto ci riguarda, è finita da un bel pezzo. Ronin Pisa fa politica alla luce del sole - concludono - è una forza di popolo e per il popolo, fa volontariato, volantinaggi, eventi culturali, è su tutto il territorio pisano da tre anni e continuerà ad essere presente, senza un passo indietro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifestazione di Ronin Pisa in Fossabanda: "Ai nostri eventi insulti, minacce e aggressioni"

PisaToday è in caricamento