Il mondo della scuola in piazza per chiedere di tornare in aula

Manifestazione in piazza dei Cavalieri di insegnanti, precari, genitori e studenti: "Servono massicci investimenti"

"Servono massicci investimenti nel sistema scolastico e il rientro a scuola nelle condizioni di massima sicurezza". E' quanto chiedono docenti di ruolo e precari, personale ATA, genitori e studenti che nella giornata di ieri, 4 giugno, hanno dato vita ad una manifestazione in piazza dei Cavalieri alla quale hanno partecipato diverse decine di persone. Ad organizzare la protesta i Cobas della Scuola di Pisa con il sostegno del Comitato Priorità alla Scuola di Pisa e l'adesione di diversi collettivi studenteschi ed altre realtà cittadine

"Gli interventi che si sono susseguiti - scrive in una nota Giuseppe Saraceno dei Cobas Scuola Pisa - hanno riguardato questioni scottanti quali lo sfruttamento del precariato, la didattica a distanza, le spese militari, la necessità di massicci investimenti nel sistema scolastico e il rientro a scuola nelle condizioni di massima sicurezza. Da rilevare anche la correttezza del comportamento dei partecipanti che hanno rispettato perfettamente le norme di distanziamento e tutte/i hanno indossato le mascherine. Ci auguriamo che questa giornata favorisca la nascita di una stretta e capillare rete di alleanze in vista delle prossime iniziative, a cominciare da quella che i Cobas hanno organizzato a Livorno il 9 giugno in piazza Cavour alle 18".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Strutture sociosanitarie: focolai in tre centri del pisano

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

Torna su
PisaToday è in caricamento