Manifestazione in piazza delle Vettovaglie: "Illegalità diffusa, servono più controlli"

Il Coordinamento dei Comitati cittadini si schiera a fianco di residenti e commercianti che hanno lanciato la protesta. Il M5S: "Da parte della Giunta solo chiacchiere ma nessun risultato concreto"

Il Coordinamento dei Comitati cittadini di Pisa si schiera a sostegno dell'iniziativa lanciata da abitanti e commercianti di piazza delle Vettovaglie e zone limitrofe che domani, sabato 26 ottobre, collocheranno sulle porte di negozi e abitazioni un cartello con la scritta 'Vendesi' per protestare contro l'insicurezza e il degrado che colpisce la zona. Il comitato sottolinea come l'iniziativa è promossa non soltanto da residenti e commercianti, ma anche da "domiciliati, studenti, professionisti e lavoratori" che aderiranno quindi "all’apposizione dei cartelli sugli edifici nelle zone limitrofe a piazza delle Vettovaglie e piazza dei Cavalieri che sono il simbolo del degrado e della inciviltà pisana".

"Un Far West": commercianti e residenti di Vettovaglie contro spaccio e degrado

Secondo il Coordinamento dei Comitati cittadini la protesta è "una provocazione per far capire all’amministrazione comunale e alle autorità preposte all’ordine e alla sicurezza pubblica della città l’urgenza di provvedere a contrastare efficacemente il fenomeno della mala movida, che da troppi anni imperversa nel centro storico nelle ore serali e notturne, con effetti disastrosi. Le misure adottate con grande risalto mediatico dall’amministrazione comunale, volte a regolare le emissioni sonore dei locali e la vendita di alcolici, entro un certo orario, sono insufficienti, in assenza di una costante e capillare attività di controllo da parte della Polizia municipale e delle altre autorità preposte".

Il Coordinamento ribadisce inoltre "la mancanza a Pisa di un progetto efficace sull’ordine e la sicurezza pubblica, che coinvolga le autorità, le istituzioni e gli enti competenti, da elaborare sotto forma di un 'patto di civile convivenza', anche con il contributo degli esercenti privati e dei cittadini residenti. Occorre combattere drasticamente, e non con proclami, un fenomeno che crea situazioni diffuse di illegalità con effetti altamente nocivi sulla salute e sulla vita stessa degli utenti, nonché aggressioni e violenze, gesti vandalici, danneggiamenti a beni culturali e artistici e quindi una situazione di illegalità penale e amministrativa diffusa e di abbassamento del livello della qualità della vita".

"Solo proclami da parte della Giunta"

A  sostegno della protesta si schiera anche il Movimento 5 Stelle. "Scendiamo in piazza a fianco dei cittadini del centro storico - afferma il consigliere comunale pentastellato Alessandro Tolaini - che, esasperati dal degrado figlio di una movida mal gestita e dall'insicurezza in cui sono piombate intere zone del centro storico, hanno deciso di protestare contro la condizione di abbandono totale a cui si sentono condannati da tempo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A fronte dei roboanti proclami da campagna elettorale - attacca Tolaini - questa Giunta non ha ottenuto risultati concreti nella lotta al degrado e alla micro-criminalità. È inutile approvare ordinanze spot e regolamenti draconiani per gli esercenti se poi non si provvede a far rispettare la legge. Anzi, non è solo inutile ma è addirittura dannoso: si impongono nuovi paletti, spesso assurdi, a chi già si mantiene nel perimetro della legalità, mentre chi è abituato a delinquere non cambia di una virgola i propri comportamenti. E' ridicolo riempirsi la bocca di chiacchiere sulla sicurezza quando poi si lascia che via Notari rimanga un centro di spaccio a cielo aperto. Non è degno di un Paese civile e men che meno di un città come Pisa". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si diplomano e vengono assunti nell'azienda dei loro sogni

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana: 812 nuovi positivi, 108 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 906 nuovi casi, 133 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento